Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

Delitto del Pilastro: la lite in casa e la coltellata fatale davanti alla nipotina

Chiarita la dinamica dell'omicidio di Nicola Rinaldi: il vicino di casa, Luciano Listrani, avrebbe ammesso le sue responsabilità. Ancora da chiarire le cause del diverbio

La scena del delitto

Ha confessato Luciano Listrani, il 58enne arrestato per l'omicidio di Nicola Rinaldi, il ragazzo di 28 anni accoltellato con un fendente alla gola, ieri mattina nel quartiere Pilatro, a Bologna. L'uomo, però, sostiene di aver agito per difendersi, perché la vittima lo stava picchiando. Parole che sarebbero confermate da alcuni lividi e lesioni sul corpo del 58enne. 

Secondo quanto ricostruito Listrani si trovava in casa con la moglie, la figlia, il genero - un 35enne tunisino - e la nipotina di quattro anni, quando intorno alle 7.30 del mattino la vittima ha suonato una prima volta alla porta. La famiglia della figlia dormiva in una altra stanza. Rinaldi viene invitato ad andarsene, ma alle 11 torna di nuovo insieme ad un conoscente. 

Questa volta i toni sono ben più alti, i due interessati vengono alle mani, c'è una violenta colluttazione tra Rinaldi e il 58enne, che inizia all'ingresso e si trascina fino in sala da pranzo. In disparte, la moglie di Listrani e la nipotina di soli quattro anni. L'amico italiano del 28enne nel frattempo non prende parte alla lite, ma chiude in camera la figlia di Listrani e il compagno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al violento diverbio segue un unico fatale fendente con il coltello preso sul tavolo della cucina. La colluttazione cessa, Rinaldi si mette le mani al collo e assieme all'amico scendono precipitosamente le scale. Una volta fuori dal conodominio, il 28enne si accascia esanime. A questo punto parte la chiamata ai soccorsi, che quando arrivano trovano Rinaldi già cadavere.

Omicidio del Pilastro, il movente

Se la dinamica sembra a grandi linee chiarita, ancora molti interrogativi si levano sul movente. In base ai precedenti in capo sia alla vittima che all'omicida, si ipotizza un debito pregresso, oppure fatti legati al mondo della droga.

Omicidio del Pilastro, la ricostruzione della polizia | Video

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Delitto del Pilastro: la lite in casa e la coltellata fatale davanti alla nipotina

Today è in caricamento