rotate-mobile
Lunedì, 30 Gennaio 2023
Cronaca Treviso

Ventenne incinta uccisa e gettata nel fossato: fermato il fidanzato

Orrore a Manzana, nel trevigiano. L'omicidio risalirebbe a qualche giorno fa. Il presunto assassino avrebbe confessato

La polizia ha arrestato un giovane con l'accusa di aver ucciso una ragazza di vent'anni, incinta, e averne gettato il cadavere in un fossato.

E' successo a Manzana, piccolo comune tra il vittoriese e il coneglianese, dove nella notte tra mercoledì e giovedì era stato ritrovato il cadavere della ragazza. La morte con tutta probabilità risalirebbe a qualche giorno prima.

La vittima è una giovane straniera da diversi anni residente in Italia. Il presunto omicidia, un 19enne anche lui straniero, è stato arrestato dagli uomini del commissariato di Conegliano, che stavano indagando dopo la denuncia di scomparsa della giovane da parte dei famigliari. Il ragazzo, fidanzato della vittima, sarebbe crollato durante l'interrogatorio, ammettendo l'omicidio e portando la polizia a scopire il cadavere della ragazza, come ricostruisce Il Gazzettino. Il 19enne avrebbe infatti raccontato di averla picchiata e poi strangolata, al termine di una lite poi degenerata. La ragazza, incinta di sei mesi, lavorava in alcuni hotel del Coneglianese, mentre il giovane è uno studente al quarto anno di una scuola media superiore. 

Secondo le prime informazioni, dice il quotidiano del Nordest, la storia tra i due sarebbe finita da tempo e il ragazzo avrebbe ora un'altra fidanzata. La vittima lo avrebbe ricontattato ultimamente per annunciargli di essere incinta di un figlio suo. I due si sarebbero quindi incontrati domenica scorsa, il 19 marzo. Da allora della ragazza non si erano più avute notizie. 

Gli aggiornamenti su TrevisoToday

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ventenne incinta uccisa e gettata nel fossato: fermato il fidanzato

Today è in caricamento