Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca Ferrara

Ferrara, nel giorno dello sfratto uccide moglie e figlio e poi si suicida

Un uomo di 77 anni ha sparato alla moglie 73enne e al figlio di 48 anni, prima di rivolgere l'arma contro se stesso. Le cause della tragedia sarebbero legate alle difficoltà economiche della famiglia: stavano per essere sfrattati dalla loro abitazione

Tragedia della disperazione a Ferrara. Un uomo di 77 anni, Galeazzo Bartolucci, ha sparato contro la moglie 73enne e il figlio Giovanni di 48 anni, uccidendoli entrambi. Poi ha dato fuoco all'abitazione, situata nel centro della città emiliana, prima di uscire dalla palazzina. Dopo essersi allontanato dall'immobile in fiamme ha rivolto l'arma contro se stesso e si è tolto la vita.

Secondo le prime informazioni alla base della tragedia ci sarebbero le gravi condizioni economiche in cui versava la famiglia: nella giornata di oggi un ufficiale giudiziario si sarebbe dovuto recare nell'abitazione dell'antiquario 77enne per dare corso allo sfratto esecutivo della famiglia dallo stabile. Già il mese scorso l'ufficiale giudiziario aveva provato a mandare via la famiglia dalla casa, ma lo sfratto non era stato eseguito in quanto l'appartamento era ancora pieno di mobili e quindi da svuotare. L'appartamento era stato dichiarato inagibile a causa del terremoto, ma la famiglia non aveva alcuna intenzione di abbandonarlo.

Un risveglio scioccante per i cittadini di Ferrara, sconvolti da questo duplice omicidio seguito da un suicidio. I cadaveri delle due prime vittime sono stati rinvenuti in piazzale Fratelli Bartolucci, mentre il corpo senza vita dell'uomo è stato scoperto ad un centinaio di metri dalla sua abitazione, in via Boccaleone. Accanto a lui c'era anche l'arma del delitto, una pistola ancora fumante. La polizia sta indagando.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferrara, nel giorno dello sfratto uccide moglie e figlio e poi si suicida

Today è in caricamento