Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca Cagliari

Chiama il 113: "Uccido mia moglie e mi sparo", poi il dramma

Omicidio-suicidio nel cagliaritano. Dopo aver chiamato la polizia, un avvocato 74enne ha sparato alla moglie e poi si è tolto la vita

QUARTU SANT'ELENA (CAGLIARI) - Tragedia familiare nel cagliaritano. Un avvocato ha ucciso la moglie in camera da letto e poi si è sparato.

Gilberto Nurra, 74 anni, ha sparato alla moglie, Franca Mastinu, di 66 anni, con una pistola calibro 7,65 legalmente detenuta. Lo riferisce il quotidiano La Nuova Sardegna.

LA CHIAMATA AL 113 - Poco prima delle 8, Nurra ha telefonato al 113 annunciando che avrebbe ucciso la moglie e poi si sarebbe suicidato. Dopo aver attaccato il telefono, l'avvocato ha sparato alla moglie e poi ha rivolto l'arma contro se stesso. Sul posto, in un appartamento al sesto piano di via Irlanda, sono accorsi gli agenti della squadra voltante di Cagliari e del Commissariato di Quartu: davanti a loro i corpi senza vita dell'avvocato e di sua moglie. Gli specialisti della scientifica sono al lavoro sui rilievi della scena del crimine. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiama il 113: "Uccido mia moglie e mi sparo", poi il dramma

Today è in caricamento