rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Cronaca

Stallo Open Arms, a bordo ancora 130 migranti: "Quanta crudeltà"

E' stata la quindicesima notte a bordo della nave spagnola Open Arms per oltre 130 naufraghi soccorsi nel Mediterraneo. Tre persone evacuate all'alba a Lampedusa

Altre tre persone (dopo le nove di ieri sera) sono state evacuate all'alba di oggi dalla Open Arms a Lampedusa per motivi di salute. Le condizioni a bordo sono sempre più pesanti. Tra le tre persone evacuate c'è un uomo con i piedi perforati da ferite di arma da fuoco e uno a rischio setticemia. I migranti sono stati trasferiti presso la Guardia medica di Lampedusa per le cure del caso.

Tutto bloccato quindi, nonostante Francia, Germania, Romania, Portogallo, Spagna e Lussemburgo abbiano comunicato al governo italiano di essere disponibili a redistribuire i migranti.

Open Arms, quindicesima notte a bordo per oltre 130 migranti

E' stata la quindicesima notte a bordo della nave spagnola Open Arms, con a bordo oltre 130 naufraghi soccorsi nel Mediterraneo. Nella tarda serata di ieri sono state evacuate, per motivi medici, 9 persone, che sono state accompagnate sull'isola di Lampedusa, ma restano a bordo tutti gli altri. "Cinque evacuazioni urgenti in 14 giorni. Cosa aspettano ad autorizzare sbarco di tutte le persone a bordo, che l'emergenza medica diventi insostenibile? Quanta crudeltà", commenta l'Ong.

Dopo il via libera del Tar all'ingresso in porto con la sospensione del primo provvedimento del ministro dell'interno, Matteo Salvini, che bloccava lo sbarco dei migranti, ieri il vicepremier ha firmato un nuovo divieto facendo ricordo al Consiglio di Stato. Ma il divieto non è stato firmato né dal ministro della Difesa Elisabetta Trenta né dal ministro dei Trasporti Danilo Toninelli, per cui lo sbarco sembrava ormai "imminente". Così fino a ora non è stato, e lo stallo continua.

Salvini: "Divieto di sbarco, Lega da sola contro tutti"

"Sul divieto di sbarco alla #OpenArms siamo soli contro tutti. Contro Ong, tribunali, Europa e ministri impauriti. E col Pd al governo, immigrazione di massa e Ius Soli tornerebbero realtà". Così in un tweet il vicepremier e ministro dell'Interno, Matteo Salvini. "Gli Italiani hanno bisogno di un governo forte, non è ammessa timidezza quando sono in gioco la sicurezza e i confini della Patria. Che è dovere di ogni cittadino, e a maggior ragione di ogni ministro, DIFENDERE. #OpenArms".

"Giorno 15. Viviamo a bordo di un'agonia insopportabile. 6 evacuazioni di emergenza in queste 2 settimane. Terra in vista e nessuna soluzione. I diritti di 134 persone vengono violati ogni minuto che passa. Se la politica europea non è in grado di fissare dei limiti, che cosa ci rimane?" scrive in un tweet Open Arms

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stallo Open Arms, a bordo ancora 130 migranti: "Quanta crudeltà"

Today è in caricamento