rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Carceri

Rivoluzione per le carceri: più libertà ai detenuti

Anna Maria Cancellieri ha annunciato novità sostanziali riguardo al regime detentivo italiano: "Otto ore d'aria e non più due, musica e sport"

ROMA - Musica, sport e più libertà. Sono queste le tappe della "rivoluzione" che Anna Maria Cancellieri, contestata a Milano da un gruppo di giovani democratici per l'affaire Ligresti, ha in mente per il sistema carcerario italiano. Più di una volta, l'Unione europea ha richiamato l'Italia per la condizione delle carceri e, ora, il guardasigilli ha deciso di prendere provvedimenti. 

"Da aprile i detenuti italiani avranno otto ore da poter trascorrere fuori dalla cella invece delle attuali due - ha spiegato Cancellieri ad un convegno a Milano sul tema - stiamo lavorando sul regime di detenzione".

"Prima - ha continuato, spiegando i motivi della scelta - il detenuto aveva solo due ore di libertà, indipendentemente dal tipo di reato. E' invece importante che escano, perché il punto forte è il lavoro".

Il Ministero, in aggiunta, sta anche "lavorando con la Siae" per poter far musica in carcere, "che è forte elemento di aggregazione". Il dicastero della Giustizia è anche al lavoro, con le squadre di atleti della Polizia penitenziaria, per fare in modo che, in queste otto ore, i detenuti pratichino anche attività sportive.

La Cancellieri ha poi auspicato l'istituzione di un "garante nazionale dei detenuti" e la creazione di "sportelli legali" all'interno delle carceri. 

"Spesso accade che una persona abbia assistenza legale durante il processo ma una volta in carcere sia abbandonata a se stessa. Sono cose che stiamo facendo - ha concluso - e che consentiranno all'Italia, a maggio, di andare a raccontarle all'Unione europea".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rivoluzione per le carceri: più libertà ai detenuti

Today è in caricamento