rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca Roma

Caso Orlandi: le ossa trovate nella cripta non sono di Emanuela

I risultati degli esami sui resti umani rinvenuti: le spoglie trovate nella cripta di Sant'Apollinare a Roma non appartengono a Emanuela Orlandi

ROMA - Si ricomincia daccapo. Non sono di Emanuela Orlandi le ossa ritrovate a Roma, nella cripta della basilica di Sant'Apollinare. Gli esperti hanno fatto sapere che non si tratta dei resti della ragazza di 15 anni, figlia di un commesso della Prefettura della Casa Pontificia, che scomparve il 22 giugno 1983 e che non fu mai più ritrovata.

Ad accertarlo sono stati gli specialisti del laboratorio Labanof, che hanno messo sotto esame le centinaia di resti umani rinvenuti nella chiesa in cui il boss Renatino De Pedis fu sepolto e rimase fino al 2012, quando il Vaticano diede l'ok alla traslazione della salma.

Le indagini vanno avanti da anni e, secondo il "Corriere della Sera", si starebbero ora concentrando sul fotografo Marco Fassoni Accetti, il superteste che ha confessato di essere stato uno dei telefonisti. Il boss della Magliana, De Pedis appunto, era stato sepolto a Sant'Apollinare nel 1990 e nel 2012, quando si procedette alla traslazione delle ossa, nella bara furono trovati resti che non appartenevano a lui.

La vicenda della dissepoltura era stata scatenata da una telefonata anonima arrivata a "Chi l'ha visto?": qualcuno aveva detto che, per avere la soluzione del caso Orlandi, bisognava cercare nella basilica di Sant'Apollinare a Roma, andando a cercare il "favore che Renatino (De Pedis) fece al cardinal Poletti". Fu così che si scoprì che proprio il boss era sepolto nella basilica. (da RomaToday)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Orlandi: le ossa trovate nella cripta non sono di Emanuela

Today è in caricamento