Sabato, 23 Ottobre 2021
Cronaca

A Ostia è mafia, ergastoli al clan Spada: "Erano arrivati fino al cuore di Roma"

Tre ergastoli al clan Spada e il riconoscimento del 416 bis. È la sentenza (storica) emessa dai giudici della Corte d'Assise che hanno riconosciuto l’associazione a delinquere di stampo mafioso. Libera: "I clan dal litorale romano erano arrivati sin dentro il cuore della città"

Il clan Spada è mafia. Tre ergastoli e il riconoscimento del 416 bis. È la sentenza emessa dai giudici della Corte d'Assise che, nel maxiprocesso al clan Spada, hanno riconosciuto l’associazione a delinquere di stampo mafioso. La decisione è arrivata dopo più di 10 ore di camera di Consiglio. Sono 17 le condanne e 7 le assoluzioni per un totale di 147 anni di carcere: questa la sentenza della Corte d'Assise di Roma nei confronti dei 24 imputati nel maxiprocesso.

Condannati all'ergastolo Carmine Spada, detto Romoletto, Roberto Spada, già condannato per la testata a Ostia al giornalista della Rai Daniele Piervincenzi, e Ottavio Spada, detto Marco. Gli imputati hanno seguito la lettura della sentenza collegati in videoconferenza. Il procedimento della Dda di Roma è legato agli arresti avvenuti il 25 gennaio 2018 nel corso dell’operazione 'Eclissi'. Tra i reati contestati, a seconda della posizione, anche l’omicidio, l’estorsione e l’usura.

Mafia Ostia, Libera: "Ora non abbassare la guardia"

"La pronuncia della Corte di Assise di Roma con cui gli esponenti del clan Spada di Ostia sono stati condannati per associazione mafiosa delinea i connotati delle nuove mafie autoctone. Ancora una volta si certifica la natura mafiosa dei clan che si sono spartiti i traffici illeciti e che per anni hanno condizionato la vita economica e democratica del litorale romano, arrivando sin dentro il cuore della città". Così Libera in una nota commenta la sentenza che condanna agli ergastoli esponenti del clan Spada.

"La sentenza - prosegue la nota - conferma le solide ragioni che, nelle aule di giustizia e sul territorio, ispirano da anni l'impegno dell'associazione Libera che si è sempre battuta, con la massima determinazione, per respingere ogni strumentale minimizzazione delle presenze mafiose nelle realtà del centro-nord. La sentenza non ci deve far dimenticare che le mafie hanno una forte capacità di rigenerarsi, per questo è importante non abbassare la guardia. Oltre ai magistrati, il lavoro più importante di attenzione devono farlo tutti i giorni le istituzioni, la politica, le associazioni e cittadini".

Esprime soddisfazione la sindaca di Roma Virginia Raggi dopo la sentenza. "Ringrazio magistratura, forze dell'ordine e chi ogni giorno combatte in prima fila contro le mafie. Istituzioni e cittadini onesti se uniti vincono sempre. Io continuerò #ATestaAlta la battaglia per la legalità" scrive su Twitter. "Sentenza Spada, vince lo Stato, perde la mafia. Vincono i cittadini!" scrive su Twitter Nicola Zingaretti, segretario del Pd.

L'avvocato di Spada: "Sono indignato, è follia"

"Sono indignato, è una follia vera" ha detto l'avvocato Mario Girardi, difensore di Carmine Spada, detto Romoletto, condannato all’ergastolo nel maxiprocesso. “Questa decisione è una vergogna, non condivisibile in alcun suo aspetto”.

Ostia, M5s: "Più spazio a cittadini onesti"

"Ringraziamo magistratura e forze dell’ordine per il gran lavoro svolto. Il procedimento farà il suo corso, ma già oggi i giudici hanno posto la prima pietra in vista di una decisione che potrebbe sancire una condanna definitiva molto significativa.  Legalità non è una formula vuota, ma una precisa scelta. Il MoVimento ha deciso sin dai suoi inizi da che parte stare: quella della legge. Lo dimostra anche la presenza del presidente Morra e della sindaca Raggi oggi in aula a Rebibbia. A Roma i cittadini onesti riguadagnano spazio vitale”. Così in una nota i parlamentari romani del MoVimento 5 Stelle.

Decapitato il clan Spada, 32 arresti: le immagini del blitz a Ostia

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Ostia è mafia, ergastoli al clan Spada: "Erano arrivati fino al cuore di Roma"

Today è in caricamento