rotate-mobile
Venerdì, 1 Marzo 2024
VATICANO

Il Papa apre alle coppie gay

"Pongono nuove sfide a livello educativo": così il Pontefice riflette sulle unioni tra le persone dello stesso sesso. "Ai loro figli non si deve somministrare un vaccino contro la fede"

ROMA - Le unioni tra persone dello stesso sesso "pongono sfide nuove a livello educativo che per noi a volte sono persino difficili da comprendere". 

Papa Francesco, nel discorso ai superiori generali degli ordini religiosi del 29 novembre scorso, pubblicato da Civiltà Cattolica, è intervenuto sul tema delle coppie gay: "Ai loro figli non si deve somministrare un vaccino contro la fede", ha aggiunto il Pontefice.

Bergoglio, in chiusura del lungo colloquio, ha citato alcune sue esperienze a Buenos Aires per ribadire l'importanza di un'adeguata preparazione per accogliere bambini, ragazzi e giovani in contesti educativi: "Ricordo il caso di una bambina molto triste che alla fine confidò alla maestra il motivo del suo stato d'animo: 'la fidanzata di mia madre non mi vuol bene'". 

Non solo riferimenti alle coppie gay nel discorso del Pontefice: "La percentuale di ragazzi che studiano nelle scuole e che hanno i genitori separati è elevatissima. Le situazioni che viviamo oggi pongono dunque sfide nuove che per noi a volte sono persino difficili da comprendere. Come annunciare Cristo a questi ragazzi e ragazze? A questa generazione che cambia? Bisogna stare attenti a non somministrare ad essi un vaccino contro la fede".

"FRAINTESO" - Le parole di Papa Francesco sulle coppie omosessuali sono state oggetto di "forzature e strumentalizzazioni da parte di diversi media italiani", in particolare di quanti hanno voluto associarle al dibattito in corso sul riconoscimento delle unioni civili delle coppie gay. Lo sostiene il direttore della Sala Stampa vaticana, padre Federico Lombardi, sottolineando quanto sia "paradossale" parlare di "apertura alle coppie gay".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Papa apre alle coppie gay

Today è in caricamento