rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
Cronaca

Omicidio Melania Rea, Parolisi in lacrime: "Fatemi vedere mia figlia"

L'ex militare è stato condannato in via definitiva a 20 anni per l'omicidio della moglie. Il fratello di Melania: "Peccato che è stato proprio lui a ucciderle la madre"

Salvatore Parolisi in lacrime di fronte ai giudici chiamati a decidere del suo destino di padre. L'ex militare, condannato in via definitiva a venti anni per l'omicidio della moglie Melania Rea, ha presentato istanza al tribunale dei Minori di Napoli affinché non gli sia tolta la patria potestà sulla figlia di sette anni e soprattutto affinché gli sia consentito di incontrarla.

E in aula, come riferito all'Ansa dal fratello di Melania, Michele, Parolisi "ha piagnucolato", implorando che non gli sia negata la possibilità di mantenere un rapporto con la piccola, ora affidata ai nonni. "Peccato che è stato proprio lui a ucciderle la madre", il commento amaro di Michele.

Dopo aver ascoltato le motivazioni di Parolisi, il giudice ha rinviato l'udienza. La decisione sull'istanza dell'ex ufficiale - che è stato recentemente degradato e trasferito dal carcere militare di Santa Maria Capua Vetere a quello di Bollate - arriverà il prossimo 30 gennaio. I giudici hanno voluto acquisire altri documenti, in particolare le motivazioni della Cassazione. Oggi, sempre secondo quanto reso noto da Michele Rea, il pm ha anche chiesto la decadenza della potestà genitoriale di Salvatore Parolisi. "Nel 2012, come pena accessoria alla condanna gli fu tolta la patria potestà - spiega Michele - ora però resta la sede civile dove la decisione era stata sospesa in attesa del terzo grado di giudizio".
   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Melania Rea, Parolisi in lacrime: "Fatemi vedere mia figlia"

Today è in caricamento