rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Cronaca San Marino

“Se un prete sente l'esigenza vada con un animale”: bufera sul parroco

Ondata di polemiche dopo il post di Don Marco Scandelli, che aveva commentato la vicenda di Calenzano. Dopo le critiche è stato costretto a tornare sulle sue parole: “Sono stato strumentalizzato”

Doveva essere un post di condanna contro gli atti di pedofilia commessi da uomini di Chiesa, ma le parole scritte su Facebook da Don Marco Scandelli, parroco di Borgo Maggiore, a San Marino, hanno sollevato un vero e proprio putiferio: “Se un prete ha delle necessità fisiche si trovi una una donna o un uomo consenziente e maggiorenne. Al limite anche un animale”.

scandelli_02125623.jpg.pagespeed.ce.CBcn2m4geo-2

Parole forti, che hanno scatenato molte polemiche tanto da costringere il parroco a tornare sull'argomento con un secondo post, in cui sostiene di essere stato strumentalizzato. Nel secondo messaggio pubblicato sui social Don Scandelli ha chiarito la sua posizione, dopo il caso di Calenzano che ha riportato agli onori della cronaca il tema degli atti di pedofilia nella Chiesa.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Se un prete sente l'esigenza vada con un animale”: bufera sul parroco

Today è in caricamento