L'ospedale è a 70 chilometri da casa e lei partorisce dentro l'ambulanza in corsa sulla A10

Uno splendido bambino è venuto al mondo su un mezzo della Croce Rossa di Bordighera che non ha fatto nemmeno in tempo a fermarsi all'area di servizio

Quanta fretta di venire al mondo. La madre non ha fatto in tempo a raggiungere l'ospedale di Imperia, unico punto nascite in provincia: così un neonato, uno splendido bambino, è venuto al mondo all'1,31 del 10 settembre scorso su un'ambulanza della Croce Rossa di Bordighera.

Il mezzo di soccorso ci ha provato ad arrivare in ospedale, ma invano. L'ambulanza era andata a prendere la mamma in preda alle doglie a Isolabona, borgo della val Nervia, per portarla in ospedale nel capoluogo di provincia.

I sanitari si sono resi conto subito che il parto era imminente, ma ci hanno provato. Erano settanta chilometri di viaggio, dall'entroterra a Impera: una distanza che il mezzo di soccorso, con a bordo medico e infermiera, non è riuscito a percorrere in tempo neanche attraverso il tragitto più breve passando dall'autostrada. 

Il terzo figlio di una coppia residente a Isolabona aveva fretta di nascere

Così il piccolo, terzo figlio di una coppia residente nel piccolo paese di Isolabona, è nato sull'A10, nei pressi dell'area di servizio di Coldirodi. Non c'è stato nemmeno il tempo di fermarsi: i primi vagiti sono arrivati sull'ambulanza in corsa nel cuore della notte. 

Nel parto la donna è stata assistita dall’equipaggio dell’automedica e della Croce Verde di Sanremo. Il bebè sta bene ed è stato trasportato insieme alla madre all’ospedale di Sanremo per tutti gli accertamenti del caso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pochi giorni fa, sempre nell'Imperiese, c'era stato un altro parto in ambulanza. Nel caso della donna di Isolabona, l'ospedale di Sanremo sarebbe stato più vicino, molto più vicino. Ma per altri due anni non nasceranno bambini all’ospedale Borea. Il nuovo punto nascite della "città dei fiori" così come il nuovo reparto di pediatria saranno pronti dopo la metà del 2022. Alcuni mesi fa all’inizio dell’emergenza sanitaria i punti nascite in provincia sono stati accorpati nell’ospedale di Imperia. Nel 2019 nella provincia erano nati 1149 bambini, per il 2020 si prevede che siano circa 1000. Speriamo che tutte le mamme riescano ad arrivare in tempo in sala parto.

Partorisce nel letto di casa senza doglie e mentre dorme: l'incredibile nascita di Tommaso

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 26 settembre 2020

  • Chi è Tommaso Zorzi e perché è famoso: tutto sull'influencer, dall'amore alla carriera

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto di martedì 22 settembre 2020: numeri e quote

  • Mascherina (di nuovo) obbligatoria all'aperto in Campania: l'ordinanza di De Luca

  • Gabriele Rossi scrive a Garko dopo il coming out. L'applauso dei vip, da Grimaldi a Monte

  • Calciomercato, le ultime notizie su trattative, acquisti e cessioni: Lazio, colpo in difesa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento