rotate-mobile
Mercoledì, 29 Marzo 2023
Reggio Emilia

"Ti insegno a baciare": patrigno finisce in carcere dopo 6 anni di violenze

Gli abusi cominciati nel 2009 quando la ragazza aveva appena 14 anni

Un uomo di 56 anni di Val d'Enza è finito in carcere per scontare una condanna a 6 anni e 4 mesi di reclusione per violenza sessuale aggravata nei confronti della figlia minorenne della compagna: gli abusi, cominciati nel 2009 quando la ragazza aveva 14 anni, sono durati circa sei anni.

La sentenza del tribunale di Reggio Emilia alla fine di un processo iniziato nel 2014 quando la ragazza ha trovato il coraggio di parlarne con la madre e di denunciare anni di violenze ai carabinieri.

Tutto inizia nel 2003 quando il nuovo compagno della madre entra in casa. I primi tempi i rapporti fra la bambina e il nuovo compagno della madre erano stati conflittuali, perché la piccola non accettava una figura maschile diversa da quella del padre. Qualche anno più tardi le tensioni erano state superate, sia perché l'uomo aveva scelto un approccio molto amichevole sia perché la ragazzina aveva visto in lui una persona che trattava bene sua madre. Fiduciosa, la minorenne a cominciato ad aprirsi con il compagno della donna e fargli qualche confidenza. Le prime violenze risalgono al 2009, quando la ragazzina gli ha raccontato di aver conosciuto un contaneo. A quale punto l'uomo le ha proposto di insegnarle come si bacia e da quel momento abusi e violenze sessuali sono durate 6 anni: fino a quando i carabinieri - raccolta la denuncia della ragazza - hanno interrotto gli abusi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ti insegno a baciare": patrigno finisce in carcere dopo 6 anni di violenze

Today è in caricamento