rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Le accuse

Bimba morta schiacciata da acquasantiera in gita: chi finisce a processo

L'allora dirigente scolastica e il direttore spirituale dell'istituto religioso dovranno rispondere di omicidio colposo

Per la morte di Penelope Cossaro, la bambina di 7 anni travolta da un'acquasantiera di marmo nella chiesa dell’istituto "Uccellis" di Udine nel novembre del 2019, sono state rinviate a giudizio due persone. L’allora dirigente scolastica e il direttore spirituale dell'istituto religioso dovranno rispondere di omicidio colposo. La decisione è stata presa dal gip di Udine al termine delle indagini.

La piccola stava partecipando a un'attività extrascolastica all'interno dell'Educandato Uccellis quando è avvenuta la tragedia. La pesante acquasantiera in marmo, formata da un basamento, dalla colonna e dal catino che insieme superano il metro di altezza, è caduta e l’ha schiacciata senza lasciarle scampo. La piccola, immediatamente soccorsa, è stata trasportata in ospedale dove è morta poche ore dopo a causa delle gravi ferite riportate. Per l’accaduto erano stati indagati la dirigente scolastica e il direttore spirituale dell'istituto religioso, poiché era stata ravvisata nei loro confronti negligenza e imprudenza nella vigilanza sulla sicurezza e incolumità dell'allieva, che non sarebbe dovuta essere lasciata sola in quel frangente.

L'acquasantiera nella chiesa di Udine che ha travolto Penelope Cossaro foto UdineToday

Continua a leggere su Today.it...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bimba morta schiacciata da acquasantiera in gita: chi finisce a processo

Today è in caricamento