rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
L'ordinanza

Peste suina africana, caccia vietata in più di 100 comuni: "E non raccogliete funghi e tartufi"

Ordinanza congiunta dei ministri della Salute Speranza e delle Politiche Agricole Patuanelli. Ammessa, se autorizzata dalle Regioni, solo la caccia di selezione al cinghiale

Vietate la  caccia, la pesca e la raccolta di funghi e tartufi nella zona stabilita come infetta dalla Peste suina africana. Si tratta di 114 Comuni, 78 in Piemonte e 36 in Liguria. La misura è prevista da un'ordinanza dei ministri della Salute Speranza e delle Politiche Agricole Patuanelli. Ammessa, se autorizzata dalle Regioni, solo la caccia di selezione al cinghiale come strumento per ridurre la popolazione in eccesso e rafforzare la rete di monitoraggio sulla presenza del virus. Nell'area stop anche a trekking, mountain bike e alle 'attività di interazione diretta o indiretta con i cinghiali infetti'.

Di recente sono stati infatti riscontrati alcuni casi nel comune di Ovada (Alessandria), in due carcasse di cinghiale nel comune di Fraconalto (Alessandria) e in quello di Isola del Cantone (Genova). Lo stop è arrivato con l’ordinanza congiunta, che consente alle attività produttive di continuare a lavorare in sicurezza.

Le disposizioni sono efficaci per sei mesi. Sempre nell’ordinanza si legge che le disposizioni "si applicano anche alle regioni a statuto speciale e alle Province autonome di Trento e di Bolzano, compatibilmente con i rispettivi statuti e le relative norme di attuazione". La vigilanza sull’applicazione delle misure introdotte è assicurata dai servizi veterinari delle Aziende sanitarie locali territorialmente competenti in collaborazione con le forze dell’ordine. Obiettivo dell’ordinanza congiunta è "porre in atto ogni misura utile ad un immediato contrasto alla diffusione della Psa e alla sua eradicazione a tutela della salute del patrimonio faunistico e zootecnico suinicolo nazionale e degli interessi economico connessi allo scambio extra Ue e alle esportazioni verso i Paesi terzi di suini e prodotti derivati".

"Sono escluse le attività connesse alla salute, alla cura degli animali detenuti e selvatici nonché alla salute e cura delle piante, comprese le attività selvicolturali”, si legge nell’ordinanza. “I servizi regionali competenti, prosegue ancora il documento, su richiesta degli interessati, possono autorizzare, su motivata e documentata richiesta, lo svolgimento delle attività vietate, sulla base della valutazione del rischio da parte del Cerep (Centro di referenza nazionale per lo studio delle malattie da pestivirus e da asfivirus)".

I casi di peste suina africana (Psa) scoperti nei giorni scorsi hanno attivato misure precauzionali alle frontiere di Svizzera, Kuwait e in Oriente (Cina, Giappone e Taiwan) dove è stato dato un temporaneo stop, ha annunciato Confagricoltura, all’import di carni e salumi made in Italy. Ci sono tanti soldi in ballo: esportazioni, secondo stime Cia-Agricoltori Italiani, che si attestano su 1,7 miliardi di euro (+12,2% vs. 2020).

”Da tempo denunciamo il rischio di ingresso della peste suina africana in Italia, a causa dell’eccessiva presenza di cinghiali. È necessario un intervento del Governo per modificare la legge 157, in modo da permettere un consistente controllo numerico dei selvatici, altresì monitorando e tracciando la popolazione. Il comparto agroalimentare è in serio pericolo: bisogna dare stabilità al mercato, promuovere la carne Italiana e sostenere le aziende sia dal lato economico che attraverso l’implementazione della biosicurezza. La peste suina africana è un flagello da fermare con tutti i mezzi e gli strumenti disponibili”: è il commento del deputato della Lega Guglielmo Golinelli, componente della commissione Agricoltura.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Peste suina africana, caccia vietata in più di 100 comuni: "E non raccogliete funghi e tartufi"

Today è in caricamento