rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Sociale

Botte e calci al compagno disabile: "Lo ha detto la maestra"

Succede a Vinci, in provincia di Firenze. Protagonisti alcuni ragazzini di scuola elementare. La dirigenza scolastica difende l'insegnante: "I bambini hanno frainteso"

L’associazione dei genitori di ragazzi portatori di handicap hanno chiesto spiegazioni al provveditorato. Perché dopo quell'episodio non potevano pensare che davvero un'insegnante avesse detto quelle parole. In effetti la dirigenza scolastica l'ha difesa, dicendo che i ragazzi avevano frainteso. Ma incomprensioni a parte, quei ragazzi che si erano riuniti per una festa di compleanno hanno iniziato a prendere a calci e botte il loro compagno di classe disabile.

Quando gli adulti presenti sono andati a dividere i due bambini, però, la giustificazione di uno di loro ha sconvolto i genitori del piccolo vittima delle violenze: “Quando si comporta male, la maestra ci ha detto di fare così”. Nei confronti della maestra, nonostante le richieste della famiglia della piccola vittima, non è stato preso alcun provvedimento di cautela.

Ora spetta al provveditorato verificare le due versioni per far luce sull'accaduto: l’associazione dei genitori di ragazzi portatori di handicap “Noi da Grandi” ha subito inviato una lettera con una richiesta di spiegazioni. Ma la famiglia del piccolo per ora non ha sporto denuncia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Botte e calci al compagno disabile: "Lo ha detto la maestra"

Today è in caricamento