rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
Orrore / Cagliari

Pitbull azzanna donna che passeggia, la ferisce gravemente e uccide i suoi due cani

Succede a Maracalagonis, non lontano da Cagliari: "Ha mollato la presa solo ed esclusivamente quando Roads e Nikka sono morti"

Lei è ricoverata in ospedale. I suoi cani sono morti. Una donna di 46 anni di Maracalagonis (Cagliari) è stata brutalmente aggredita da un pitbull durante una passeggiata con i suoi quattro cani di piccola taglia. Due di questi sono stati uccisi. Adesso è ricoverata in ospedale per le ferite riportate: ha anche una frattura all'avambraccio.

In base a una prima ricostruzione, il pitbull si è avventato contro i cani della donna, subito intervenuta per difenderli. Per due animali non c'è stato nulla da fare. Si chiamava Roadster e Nikita. "Roads e Nikka sono morti - scrive una conoscente della donna su facebook - Lei ha un braccio fratturato: ha morsi in tutto il corpo ed è viva solo ed esclusivamente perché Roadster è morto per lei, togliendole il cane di dosso".

Alice Cacciuto, animalista, ha pubblicato un lungo post pubblico su Facebook: "Roadster e Nikka sono morti. Morti, attaccati da un Pitbull di cui una settimana fa avevano incontrato il proprietario che aveva comunicato che aveva il cane in giro libero perché 'tanto è buono'. Il problema di queste tragedie è la categorizzazione buono/cattivo: questo cane ha mollato la presa solo ed esclusivamente quando Roads e Nikka sono morti. M. ha un braccio fratturato e macellato dal morso del cane, ha morsi in tutto il corpo ed è viva solo ed esclusivamente perché Roadster è morto per lei, togliendole il cane di dosso".

"E questo non è un cane cattivo - spiega ancora - Questo è un cane selezionato per avere un interruttore nel comportamento che se si spegne si riaccende solo alla morte dell'opponente. È un cane che si deve gestire senza il minimo margine di errore, con la consapevolezza e il rispetto della sua genetica non con l'idea di riscattare un'immagine sociale. Sono cani troppi diffusi, in maniera sproporzionata rispetto alla cultura sulla loro gestione. Questa è sicuramente una opinione impopolare, perché 'dipende da come lo educhi/ basta l’amore/quello di mio cugino è buonissimo/il mio non farebbe male ad una mosca' la fanno da padrona, ma capirete che non mi interessa minimamente una discussione del genere in questa situazione", continua Cacciuto.

"Sono morti due cani che ho amato molto, Roads mi ha aperto gli occhi su quanto sia profondo e sensoriale il rapporto con i nostri cani insegnandomi a non dubitare MAI di una loro reazione anomala, ma ad ascoltarla e fidarmi delle loro sensazioni, Nikka era l'accollo innocente che in ogni famiglia ci dovrebbe essere; quindi tenetevi i cani al guinzaglio, abituatelo alla museruola, se li liberate fategliela indossare. E abbiate la consapevolezza che i ttb sono cani la cui sequenza predatoria è diversa da ogni altro tipo di razza, è accorciata e velocissima, letale. Informatevi perché non c’è riscatto sociale che tenga. Riposate in pace tesorini, M. ha combattuto per voi", conclude.

Il randagismo preoccupa nel sud Sardegna: solo pochi giorni fa a Torre delle Stelle alcuni cani, ripresi anche da una telecamera, avevano ucciso una decina di gatti.

Strage di gatti uccisi dai cani randagi: i video del branco

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pitbull azzanna donna che passeggia, la ferisce gravemente e uccide i suoi due cani

Today è in caricamento