rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca Bari

"Duemila euro o qui non lavori": così chiedevano il pizzo in un cantiere a Bari

Le minacce all'imprenditore edile registrate dalle telecamere dei carabinieri. Due gli arrestati con l'accusa di estorsione aggravata: i militari li hanno colti in flagrante grazie alla collaborazione della vittima

BARI - "Duemila euro o qui non si lavora. Qui pagano tutti". Sono le minacce rivolte a un imprenditore edile barese da due uomini del quartiere Libertà, arrestati dai carabinieri per estorsione aggravata. L'imprenditore era impegnato a ristrutturare un condominio mentre i due indagati a giugno si erano più volte fatti vedere nel cantiere, dopo alcuni danneggiamenti sospetti. 

Ora Giuseppe Abbaticchio, 39enne pluripregiudicato dell'omonimo clan, e Antonio Monno, un 28enne incensurato, sono accusati di estorsione e per ora rimarranno il primo in carcere e il secondo ai domiciliari. Dopo aver preso contatti con gli operai e con il capocantiere, i presunti estorsori avevano avanzato richieste di denaro, minacciando che sarebbe stato meglio per loro non presentarsi al lavoro, qualora non avessero pagato. 

VIDEO - ECCO COME CHIEDEVANO IL PIZZO 

Determinante è stata la denuncia immediata e la piena collaborazione offerta dall'imprenditore, anch'egli vittima delle richieste: si è rivolto ai carabinieri, denunciando l'accaduto. Sono così partite le indagini, che hanno portato agli arresti, su richiesta della direzione distrettuale Antimafia di Bari. (da BariToday


 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Duemila euro o qui non lavori": così chiedevano il pizzo in un cantiere a Bari

Today è in caricamento