rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Il caso / Verona

Arrestati un ispettore e quattro agenti di polizia: sono accusati di torture e lesioni

Gli episodi contestati sarebbero avvenuti a Verona tra il luglio 2022 e il marzo 2023. Cinque poliziotti sono stati sottoposti a misura cautelare. La nota della Questura: "Erano già stati trasferiti ad altri incarichi"

Quattro agenti e un ispettore di polizia sono stati arrestati a Verona per presunti episodi di violenza avvenuti tra il luglio 2022 e il marzo 2023, nei confronti di persone sottoposte, a vario titolo, alla loro custodia. L'ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal gip presso il Tribunale di Verona, è stata eseguita questa mattina dagli uomini della stessa polizia. 

Le indagini, condotte per otto mesi dalla squadra mobile di Verona hanno contemplato anche l'uso di supporti tecnici e hanno riguardato comportamenti che sarebbero sfociati anche in atti gravemente lesivi della dignità delle persone sottoposte ad accertamenti di polizia. Ai cinque indagati, oltre al reato di tortura, sono stati contestati, a diverso titolo, anche i reati di lesioni, falso, omissioni di atti d'ufficio, peculato e abuso d'ufficio.

Le gravi vicende oggetto di accertamenti hanno formato oggetto di accurate e rigorose indagini delegate dall'autorità giudiziaria alla Polizia di Verona, si sottolinea nella nota della questura, "la cui professionalità nell'azione investigativa è stata, peraltro, evidenziata dal gip nell'ordinanza che ha disposto le misure cautelari segnatamente in riferimento all'encomiabile efficienza e sollecitudine dimostrata nello svolgimento delle investigazioni".

I poliziotti erano stati già trasferiti ad altri incarichi

I poliziotti destinatari "delle misure cautelari" eseguite oggi dalla polizia "erano già stati trasferiti ad altri incarichi all'indomani della chiusura delle attività di indagine e quindi da alcuni mesi". Lo sottolinea la questura di Verona in una nota in merito all'indagine che ha portato ai domiciliari un ispettore e quattro agenti con le accuse tra l'altro di tortura e lesioni.

"Dopo i successivi accertamenti giudiziari", il questore della provincia di Verona, "ha altresì disposto - si chiarisce nella nota - la rimozione dagli incarichi di altro personale che, pur non avendo preso parte a episodi di violenza, si presume possa non aver impedito o comunque non aver denunciato i presunti abusi commessi dai colleghi".

Pisani: "Affrontiamo questo momento con dignità e compostezza"

"Ringrazio la procura della Repubblica di Verona per la fiducia accordata alla Polizia di Stato nel delegare alla locale Squadra Mobile le indagini riguardanti gli operatori appartenenti alla stessa questura". Sono le parole con cui Vittorio Pisani, capo della polizia e direttore generale della pubblica sicurezza, ha commentato la notizia degli agenti arrestati. "La levatura morale della nostra amministrazione ci consente di affrontare questo momento con la dignità e la compostezza di sempre" ha aggiunto Pisani. 

Quella di Verona è "una storia preoccupante" ha detto invece il presidente del Senato Ignazio La Russa, "se i magistrati hanno deciso di avviare un procedimento, di sicuro hanno degli elementi. Auguro a loro di dimostrare la loro innocenza, ma se così non fosse è giusto che paghino". 

Continua a leggere su Today...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestati un ispettore e quattro agenti di polizia: sono accusati di torture e lesioni

Today è in caricamento