Mercoledì, 3 Marzo 2021
Brescia

Torna l'incubo, più di 70 casi di polmonite: il sospetto si fa strada

Pronto soccorso "affollato" da malati di polmonite nel Bresciano: lo spettro della legionella preoccupa. Tutti gli ospedali della provincia, e i presidi di guardia medica, sono stati allertati

Un'unica certezza: c'è qualcosa di anomalo. E bisogna fare in fretta per accertarne le cause. Pronto soccorso "affollato" da malati di polmonite nel Bresciano: lo spettro della legionella preoccupa. BresciaToday parla di "escalation assolutamente anomala" di infezioni: sono addirittura 71 le persone che negli ultimi tre giorni si sono recate nell'ospedale di Montichiari manifestando i sintomi della polmonite. Sono decedute tre persone, tutte (va sottolineato) con alle spalle problemi di salute pregressi, residenti a Calvisano, Visano e Carpenedolo. Su tutto questo si allunga lo spettro della legionella, per ora sono due i casi accertati, le persone colpite sono strate trasferite al Civile di Brescia.

Decine di casi di polmonite

Le persone colpite dalla polmonite hanno tutte un'età compresa tra i 60 e gli 80 anni e vivono nella Bassa, tra Montichiari, Carpenedolo, Calvisano, Ghedi, Visano. Negli ultimi tre giorni i casi, sempre più numerosi, hanno fatto scattare l'allarme: nella giornata di ieri si è tenuta una riunione presso l'ospedale Civile di Brescia, durante la quale le autorità sanitarie provinciali hanno valutato attentamente la situazione, facendo scattare il protocollo di profilassi ed osservazione di Regione Lombardia. Tutti gli ospedali della provincia, e i presidi di guardia medica, sono stati allertati e invitati a segnalare immediatamente i casi di polmonite.  

Incubo legionella nel Bresciano

A oggi i decessi "sospetti" sui quali si indaga sono tre, e riguardano persone di età compresa tra i 60 e gli 80 anni, con alle spalle problemi di salute. Anche la maggior parte delle 71 persone con polmonite che si sono recate in ospedale ha tra i 60 e gli 80 anni: molte di queste sono già state dimesse, altre sono state dirottate negli ospedali di Brescia o Castiglione delle Stiviere. Proprio a Castiglione sono stati diagnosticati altri tre casi di legionella. A distanza di pochi giorni dai casi registrati in Franciacorta, a Bornato, il timore maggiore - da provare - è che il batterio possa essere veicolato dall'acquedotto, e dunque entrare in contatto con le persone in maniera diffusa. Nessun allarmismo al momento. Aggiornamenti su BresciaToday

Legionella, c'è la quarta vittima: cos'è e come si diffonde l'infezione

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna l'incubo, più di 70 casi di polmonite: il sospetto si fa strada

Today è in caricamento