Domenica, 13 Giugno 2021
Pompei

Pompei chiude per sciopero, duemila turisti bloccati ai cancelli

Disagi per i turisti rimasti bloccati davanti ai cancelli. In coda oltre 2 mila persone, nessuno è stato avvisato. Non sono mancate le tensioni. Il ministro Franceschini parla di un "danno incalcolabile per il turismo"

Non è bastato lo sciopero dei piloti e assistenti di volo Alitalia proclamato dall'Anpac, che ha fatto registrare decine di cancellazioni con pesanti ripercussioni soprattutto nell'aeroporto romano di Fiumicino. I cancelli si sono chiusi anche a Pompei, a causa di un'assemblea dei sindacati Fp Cisl, Filp e Unsa che si è riunita in mattinata. Disagi gravissimi per turisti e tour operator non avvisati dell'improvviso cambio di programma delle rappresentanze sindacali aziendali. 

Tutti i problemi sembravano essere stati scongiurati visto che il giorno prima la Soprintendenza speciale per Pompei, Ercolano e Stabia aveva scongiurato lo stop degli ingressi utilizzando del personale dell'Ales e molti custodi avevano disertato l'assemblea sindacale, garantendo la sicurezza delle domus aperte. Ma stamane, quando sono arrivati oltre 2mila turisti accompagnati da diversi tour operator, i cancelli erano sbarrati e il personale "scomparso". 

Tra sindacati e amministrazione si sarebbe verificata una vera e propria "rottura", a causa di dichiarazioni pubbliche del soprintendente Massimo Osanna. Ai cancelli di tutti i siti archeologici vesuviani si sono formate lunghe file, con tensioni per il mancato annuncio, che solitamente precede la protesta. Mancavano persino i cartelli di avviso alle biglietterie. 

L'improvvisa chiusura degli scavi di Pompei, ha fatto subito scattare la reazione del ministro per i Beni e le Attività Culturali, Dario Franceschini, che ha definito l'espidosio "un danno incalcolabile": "Chi fa così - ha aggiunto Franceschini riferendosi a chi ha indetto l'assemblea - fa del male ai sindacati, ai diritti dei lavoratori e soprattutto fa del male al proprio Paese".

Anche la Cgil prende le distanze dal blocco: "L’iniziativa messa in atto oggi da alcune sigle sindacali a Pompei danneggia l’immagine della Campania e di uno dei siti archeologici più importanti al mondo. Sono forme di protesta che penalizzano anche le stesse organizzazioni che le promuovono" commenta il segretario generale della Cgil Campania, Franco Tavella.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pompei chiude per sciopero, duemila turisti bloccati ai cancelli

Today è in caricamento