Martedì, 24 Novembre 2020

Il positivo al coronavirus che va a votare violando la quarantena

L'uomo è stato riconosciuto da altri cittadini che erano al corrente della sua situazione e segnalato alle forze dell'ordine

Foto di repertorio

Un elettore di Nardò in provincia di Lecce è andato a votare malgrado fosse in quarantena. L'uomo è stato riconosciuto da altri cittadini che erano al corrente della sua positività al coronavirus e segnalato alle forze dell'ordine. I successivi accertamenti da parte dei carabinieri avrebbero confermato i sospetti circa la violazione delle prescrizioni anti-Covid da parte dell'elettore.

L'uomo, un sessantenne del posto, secondo quanto hanno scritto l'agenzia di stampa AGI e Lecceprima, dopo essere risultato positivo ad un primo tampone, in attesa di essere sottoposto ad un secondo test, non avrebbe dovuto allontanarsi da casa. In provincia di Lecce, grazie all'intervento di polizie locali e volontari della Protezione civile, sono stati allestiti diversi seggi speciali che consentono agli elettori impossibilitati ad uscire da casa, di esercitare il diritto di voto nel loro domicilio.

Una nota della Regione Puglia, dopo che numerose richieste di precisazione su questo specifico punto erano giunte alle prefetture, ha intanto chiarito che "Le matite utilizzate per il voto non devono essere sanificate prima e dopo l'ingresso nella cabina elettorale nei seggi ordinari, ma solo in quelli Covid - ospedalieri o domiciliari". La Regione Puglia fa sapere, inoltre, che va eseguita la disinfezione delle mani prima e dopo della votazione e vi è l'obbligo di indossare la mascherina e di osservare le misure del distanziamento sociale. Su tale argomento è stato predisposto un apposito protocollo, frutto della collaborazione tra le aziende sanitarie pugliesi. In particolare, l'elettore non può uscire di casa e andare al seggio in caso di sintomatologia respiratoria o di temperatura corporea superiore ai 37,5 gradi, oppure se è stato a contatto con persone positive al Covid-19 negli ultimi 14 giorni e se è in quarantena obbligatoria o di isolamento domiciliare.

Elezioni regionali: sfida all'ultimo voto in Toscana e Puglia

Le elezioni regionali (in Valle d'Aosta, Veneto, Liguria, Toscana, Marche, Campania, Puglia) interesseranno 18.471.692 elettori e un totale di 22.061 sezioni. Le elezioni amministrative si svolgeranno, invece, in 957 comuni italiani, di cui 608 nelle regioni a statuto ordinario e 349 nelle regioni a statuto speciale: per un totale di 5.703.817 elettori alle urne e 6.756 sezioni. Alle amministrative, saranno 4.699.949 gli elettori nelle regioni a statuto ordinario e 5.599 le sezioni elettorali; nelle regioni a statuto speciale (Valle d'Aosta, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige) il Voto interesserà 1.003.868 elettori in 1.157 sezioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il positivo al coronavirus che va a votare violando la quarantena

Today è in caricamento