Vogliono far esplodere il bancomat, ma distruggono l'ufficio postale (e scappano via)

Distrutte le Poste di via Duse a Buccinasco, Milano. I malviventi hanno fatto esplodere il bancomat della struttura, sfondando la parete dell'edificio. ll sindaco Rino Pruiti: "Un fatto gravissimo, ci affidiamo alle forze dell'ordine"

Distrutte le Poste di via Duse a Buccinasco, Milano. Foto Alberto Schiavone

Distrutto nella notte l'ufficio postale di via Duse a Buccinasco, in provincia di Milano. Secondo quanto si legge sul sito del Comune, i malviventi hanno fatto esplodere il bancomat della struttura, sfondando l'intera parete dell'edificio. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e i vigili del fuoco per domare l'incendio. I ladri sono fuggiti lasciando per strada la cassaforte.

Poste Buccinasco: distrutto l'ufficio postale di via Duse

L'esplosione è avvenuta intorno alle 3 della notte tra giovedì e venerdì ed ha sventrato la sede dell'ufficio postale in via Duse. I malviventi non sono riusciti a portare via nulla grazie all'intervento quasi istantaneo dei carabinieri della Stazione di Buccinasco, Compagnia di Corsico. I militari, guidati da Pasquale Puca, sono riusciti a recuperare le banconote, rimaste all'interno della cassaforte semichiusa. Probabilmente c'è stato un errore anche nella detonazione: rispetto ad altri episodi simili, in questo caso è crollata l'intera parete dov'era posizionato il bancomat. A quel punto, sentendo l'arrivo delle sirene, per i ladri non è rimasta che la via della fuga.

Esplosione all'ufficio postale di Buccinasco: i malviventi sono fuggiti

Sono stati diversi cittadini, nella notte, a lanciare l'allarme. In via Duse sono intervenuti anche i vigili del fuoco che hanno spento il principio d'incendio provocato dall'esplosione. Le fiamme, per fortuna, non hanno causato grossi danni al già devastato ufficio postale. Ora le indagini dei militari si concentreranno per cercare di identificare i protagonisti dell'assalto. L'ufficio postale è dotato di telecamere di videosorveglianza e il loro contenuto sarà analizzato nei minimi dettagli per tentare di dare un volto ai malviventi.

poste buccinasco2-2

Foto di Massimo Righetto

"Un fatto gravissimo all'Ufficio postale cittadino - ha commentato il sindaco Rino Pruiti - ci affidiamo alle forze dell'ordine, già al lavoro per individuare i responsabili: oltre alle telecamere dell'ufficio postale, i militari hanno a disposizione tutte le registrazioni dei nostri occhi elettronici posti ai varchi della città. Noi intanto stiamo lavorando per completare la cablatura del territorio e mettere così a disposizione della città e degli edifici pubblici altra strumentazione. Chiunque abbia informazioni che possano contribuire a individuare i responsabili, si metta in contatto con i Carabinieri: a loro il compito di indagare su quanto avvenuto tutelando la sicurezza di tutti noi cittadini".

Un episodio simile era avvenuto pochi giorni a Pregnana Milanese, dove una banda di ladri ha fatto esplodere il bancomat della banca Popolare di Milano di via Giovanni XXIII. Secondo una prima ricostruzione, i malviventi, intorno alle 4.15, avrebbero sfondato le porte d'ingresso dell'istituto di credito. Successivamente sarebbero entrati in azione saturando la cassaforte con del gas esplosivo e infine hanno innescato la deflagrazione. La struttura ha retto: il bancomat è solo rimasto danneggiato nella parte esterna e la banda è scappata a mani vuote.

Bancomat esplode davanti a un bar, clienti si trovano a tu per tu con una banda armata 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto, due novità importanti in arrivo dal 1° gennaio 2020

  • Loredana Bertè: "Abbiamo nascosto in soffitta Mimì per un anno"

  • Estrazioni Lotto oggi e SuperEnalotto: estratto il 5+1 da mezzo milione. I numeri di martedì 3 dicembre 2019

  • Omicidio Nadia Orlando, Francesco Mazzega si è tolto la vita nel giardino di casa

  • Scoperto "esercito" di badanti evasori totali: alcuni prendevano pure la disoccupazione

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 5 dicembre 2019

Torna su
Today è in caricamento