rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Il caso

Priebke, l'Italia non lo vuole: il "boia" verso la Germania

La "folle" notte di Albano ha detto una sola verità: il funerale di Erich Priebke non sarà in Italia. Il feretro dell'ex boia è pronto a volare in Germania, ma l'ambasciata smentisce

ROMA - Albano ha resistito. Si è opposta ai funerali di Erich Priebke, l'ex gerarca nazista morto lo scorso venerdì a Roma, e ha "vinto". Non senza polemiche, con il sindaco Marini che aveva annullato il rito prima della "imposizione" del prefetto Pecoraro. Non senza scontri, quelli fra "simpatizzanti" di estrema destra, poliziotti e manifestanti anti Priebke. Non senza paura, con il paese dei Castelli che è rimasto blindato fino a tarda notte. Oggi, però, dopo il giorno della rabbia popolare è il giorno delle decisioni. Quelle prese e quelle da prendere. 

[VIDEO] Calci e pugni al carro funebre di Priebke

Ciò che è certo, o quasi, è che l'ex boia delle Fosse Ardeatine non avrà un funerale in Italia. Quello di Albano è solo l'ultimo dei "no": prima erano arrivate porte in faccia dall'Argentina, dal Comune di Roma e dal Vaticano. Troppi i i rischi, troppo accese le polemiche. A conferma di ciò, dopo la "folle" notte dei Castelli romani, il feretro di Priebche è stato trasferito nell'aeroporto militare di Pratica di Mare. Pronto, pare, un volo per la Germania: direzione Hennigsdorf, paese natale dell'ex Ss. 

"Non escludo contatti tra il nostro governo e quello tedesco attraverso l'ambasciatore di Germania in Italia", ha confermato a tal proposito il sindaco di Roma , Ignazio Marino. Ma dall'ambasciata è arrivata secca la smentita: "Le autorità italiane non hanno presentato alcuna richiesta ufficiale. Non è il governo tedesco a dover decidere dove e in che modo avverrà la sepoltura. È una decisione che spetta ai parenti di Priebke". 

Priebke, scontri ad Albano: annullati i funerali del "boia"

E il cuore della faccenda, giusti "rancori" a parte, è questo. Il boia è ormai morto e una soluzione va trovata. "Contiamo di risolvere la situazione in giornata: in queste ore ci sono contatti con la Germania" ha spiegato il prefetto della Capitale, Giuseppe Pecoraro. Prima di tornare sull'ordinanza firmata ieri che "obbligava" Albano ad ospitare i funerali di Priebke. 

[VIDEO] I neonazi e l'ultimo saluto al "Capitano"

"Non è nelle mie competenze decidere la cremazione nè il luogo della sepoltura - si è giustificato- Mi trovavo di fronte a una salma e alla legittima richiesta di una famiglia di una cerimonia religiosa che ho autorizzato in una struttura religiosa che ha dato la sua disponibilità - quella dei Lefebvriani - e in forma strettamente privata. Potevo forse negare una benedizione cristiana? I morti sono tutti uguali, quali che siano i crimini efferati di cui si sono macchati da vivi". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Priebke, l'Italia non lo vuole: il "boia" verso la Germania

Today è in caricamento