rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca

La prima messa del Papa nella Sistina

Francesco ha aperto con il rito della penitenza (formule lette in latino), la sua prima liturgia da Pontefice Romano. Omelia in italiano

ROMA - L'omelia della prima messa di Papa Francesco si è tenuta nella splendida cornice della Cappella Sistina. Il Vangelo che ha commentato è quello del Primato di Pietro.

Papa Francesco ha aperto la sua prima liturgia da Pontefice Romano con il rito della penitenza, le cui formule ha letto in latino. L'omelia è stata pronunciata in italiano, mentre Benedetto XVI nella medesima occasione aveva usato il latino.

Il Pontefice ha parlato a braccio, esordendo con la frase: "Quando camminiamo, edifichiamo e confessiamo, senza la croce non siamo discepoli del Signore. Quando camminiamo senza la croce siamo mondani. Possiamo essere vescovi, preti, cardinali ma non suoi discepoli".

Bergoglio, prime parole da Papa © Infophoto

E ha continuato: "Senza Gesù la Chiesa è soltanto una Ong". Il Pontefice, commentando il Vangelo sul primato di Pietro, ha ricordato che "la nostra vita è un cammino. Bisogna camminare, edificare, confessare Gesù Cristo".

Nell'omelia pronunciata a braccio, Papa Francesco ha affermato che se non proclamiamo Gesù "diventeremo una Ong pietosa, non una sposa del Signore". Poi ha sottolineato l'importanza della croce. "Chi non prega il Signore prega il diavolo, quando non si confessa Gesù si confessa la mondanità del Demonio".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La prima messa del Papa nella Sistina

Today è in caricamento