rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
VATICANO

Papa Francesco tra la gente, poi l'Angelus

Il Pontefice rompe gli schemi e si concede all'abbraccio dei fedeli: "Questa piazza ha le dimensioni del mondo". Poi il primo tweet: "Vi ringrazio di cuore"

ROMA - Migliaia di fedeli hanno accolto il Papa per la recita dell'Angelus, il primo per lui dall'elezione al soglio pontificio. "Viva il Papa", "Francesco, Francesco": questi gli slogan urlati a gran voce.

E lui, intorno alle 12, ha esordito con queste parole: "Fratelli e sorelle, buongiorno. Dopo il primo incontro di mercoledì scorso oggi posso rivolgere di nuovo il mio saluto a tutti e sono felice di farlo di domenica, il giorno del Signore. E' bello per i cristiani parlarci e salutarci di domenica e oggi lo facciamo in una piazza che grazie ai media ha le dimensioni del mondo". "Ho scelto il nome del patrono d'Italia - ha poi spiegato -, Francesco d'Assisi, e ciò rafforza il mio legame spirituale con questa terra dove sapete ci sono le origini della mia famiglia".

Poi la chiusura semplice, informale e calorosa, senza i tradizionali saluti nelle lingue straniere: "Buona domenica e buon pranzo". Arriva anche il suo primo tweet: "Cari amici vi ringrazio di cuore e vi chiedo di continuare a pregare per me. Papa Francesco". 

Alle 10, il Pontefice ha celebrato la messa nella parrocchia di Sant'Anna, in Vaticano."Spesso ci piace condannare e bastonare gli altri - ha detto nell'omelia - ma Dio è misericordia". Il Papa, all'uscita dalla parrocchia di Sant'Anna, ha sorpreso tutti ed eludendo le guardie svizzere ha accolto e salutato i fedeli presenti, stringendo la mano anche a Pietro Orlandi, il fratello di Emanuela, la ragazzina scomparsa nel 1983. 

IL SALUTO AI FEDELI PER STRADA

"FRATELLI E SORELLE, BUONGIORNO"

IL PRIMO ANGELUS: VIDEO

CAPI DI STATO A ROMA - Per il primo Angelus di papa Francesco oggi a San Pietro e per assistere alla messa per la solenne inaugurazione del Pontificato che avrà luogo martedì, stanno sbarcando a Roma dalle prime ore di questa mattina le delegazioni da tutto il mondo. A fare da "apripista" è stato il Presidente cileno, Sebastian Pinera, giunto poco prima delle 8 all'aeroporto di Fiumicino con un volo speciale. Folta la delegazione al seguito del Capo dello Stato cileno che, prima di lasciare sotto nutrita scorta il Leonardo da Vinci a bordo di un'auto blindata, è transitato per alcuni minuti nell'area dello scalo riservata al Cerimoniale di Stato presidiato, per l'occasione, dalle forze dell'ordine. Il via vai di Capi di Stato e di Governo andrà avanti per l'intera giornata e proseguirà anche domani oltre che a Fiumicino, anche a Ciampino.

Bergoglio, prime parole da Papa © Infophoto

"VOGLIO UNA CHIESA POVERA"

Proprio all'aeroporto militare è atteso nel pomeriggio l'arrivo della presidente argentina Cristina Fernandez de Kirchner, che incontrerà domani il Papa nella Domus Santa Marta, e in serata quello del vicepresidente americano Joe Biden. Mentre domani a Fiumicino sbarcherà, tra gli altri, il controverso presidente dello Zimbabwe, Robert Mugabe. Tra le personalità religiose previste in arrivo oggi nella Capitale, ci sono il Patriarca degli armeni, Bedros XIX Tarmouni e il Patriarca greco cattolico, Gregorio III Loham: entrambi con un volo di linea della Mea da Beirut. A completare il quadro delle delegazioni oggi a Roma, è in programma l'arrivo dalla Colombia, via Madrid, del ministro degli esteri Maria Angela Holguin, e dallo Sri Lanka, via Dubai, del vice ministro degli esteri, Neomal Perera.

ROMA TRA ANGELUS E MARATONA - Dal punto di vista organizzativo, saranno tre giorni molto intensi per Roma. Per l'insediamento solenne del nuovo Pontefice sono attese nella capitale un milione di persone e la città si prepara ad affrontare l'evento. Ma la giornata di oggi è considerata come una sorta di prova generale, con circa 150mila fedeli previsti e la Capitale impegnata in uno dei suoi storici appuntamenti, la maratona cittadina. Martedì ci saranno anche capi di Stato e di governo da tutto il mondo, con l'apparato della sicurezza mobilitato di conseguenza: oltre un migliaio di uomini delle forze dell'ordine schierati, compresi tiratori scelti e artificieri. "Siamo pronti - ha detto il sindaco Gianni Alemanno -. Abbiamo messo in campo 1000 vigili e 700 volontari della Protezione civile per domenica e per martedì". Per garantire l'afflusso dei numerosi fedeli che oggi si recano a San Pietro e permettere lo svolgimento della XIX Maratona di Roma, sono entrate in vigore limitazioni al traffico privato e pubblico. Il trasporto pubblico in particolare, in accordo con l' amministrazione capitolina, ha messo a punto un piano straordinario che prevede limitazioni e deviazioni di percorsi. Ma anche potenziamento delle corse della metropolitana, delle ferrovie regionali, navette speciali e quelle gratuite per i disabili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Papa Francesco tra la gente, poi l'Angelus

Today è in caricamento