rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Processo Mediaset

Diritti tv, per Berlusconi niente rinvio per le elezioni

I giudici di Milano: "La campagna elettorale non è un impegno istituzionale"

MILANO - "La campagna elettorale non è un impegno istituzionale". E così il processo Mediaset continua: nessun rinvio per le elezioni politiche. Lo hanno deciso i giudici della Corte d'appello di Milano.

Anche per questo motivo i giudici milanesi del processo sui diritti tv hanno rigettato l'istanza dei legali di Silvio Berlusconi di posticipare a dopo le elezioni il processo (per legittimo impedimento) in cui l'ex premier è imputato di frode fiscale.

"Le motivazioni addotte dall'imputato appaiono talmente generiche che non consentono di comprendere come le udienze interferiscano con la campagna elettorale", si legge in un passaggio dell'ordinanza. Il processo dunque va avanti regolarmente per cinque udienze fino al primo marzo.

La sentenza è prevista comunque (al più presto) il prossimo primo marzo, dopo le elezioni. Questo è uno dei motivi per cui i giudici della corte d'appello di Milano hanno deciso di dire no al rinvio delle udienze.

Gallery

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Diritti tv, per Berlusconi niente rinvio per le elezioni

Today è in caricamento