Domenica, 13 Giugno 2021
MILANO

Milano, gli autisti dei bus si rifiutano di trasportare ​i profughi

La decisione è stata resa pubblica coordinamento delle rappresentanze sindacali (Rsu): "Temiamo per la salute nostra e delle nostre famiglie". Una lettera spiega le ragioni dei lavoratori Atm: "Mancano garanzie sanitarie e protezioni adeguate"

Una lettera firmata dal Coordinamento delle rappresentanze sindacali (Rsu) con un oggetto molto chiaro: "Trasferimento profughi". Sono i sindacati che invitano i conducenti degli autobusi dell'Azienda del trasporto locale milanese (Atm) a non effettuare il servizio di trasferimento dei profughi dalla stazione centrale ai centri di accoglienza. Perché, come si legge, "mancano garanzie sanitarie e protezioni adeguate". 

Tutte le rappresentanze sindacali hanno firmato la nota, a parte Cgil che ritiene che il contenuto non sia condivisibile. Ma tutti gli altri chiedono risposte immediate dell'azienda sulla questione, che riguarda la "protezione sanitaria": nei giorni scorsi sono stati segnalati alcuni casi di scabbia proprio nella stazione centrale di Milano, dove continuano ad arrivare i profughi. Nel volantino che il coordinamento delle Rsu ha diffuso ai lavoratori si spiega ancora che in questi giorni l'azienda sta chiamando i conducenti "comandandoli a svolgere tale servizio che, riteniamo, debba essere effettuato con norme igienico/sanitarie di cui non siamo stati informati e con tutti gli accorgimenti necessari, senza sottovalutare i pericoli che corrono i conducenti e le loro famiglie". 

Qui il volantino si fa esplicito: "Invitiamo tutti i conducenti a non effettuare tale servizio e a mettersi subito in comunicazione con la rsu di impianto". I conducenti si sarebbero lamentati del fatto che, mentre le forze dell'ordine in servizio sui mezzi hanno guanti e mascherine, loro non hanno alcuna protezione e che, in ogni caso, dovrebbero essere informati precisamente di quali rischi per la salute corrono e se esista un'ordinanza prefettizia che ordina loro di guidare l'autobus. Il comune di Milano, nei giorni scorsi, ha più volte utilizzato gli autobus Atm, visto il numero elevato di profughi da trasportare, servendosi invece di mezzi più piccoli, delle associazioni di volontariato, quando i trasferimenti sono ridotti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano, gli autisti dei bus si rifiutano di trasportare ​i profughi

Today è in caricamento