rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Messaggi virali su WhatsApp / Torino

"Aveva appena fatto il vaccino": la morte di una ragazza trasformata in una fake-news

La 15enne, studentessa di un liceo di Torino, sarebbe morta nel sonno. Non era vaccinata. Disposta l'autopsia per chiarire le cause del decesso

Gli avvelenatori di pozzi non si fermano davanti a nulla. Il messaggio sta circolando nelle chat WhatsApp dei complottisti e purtroppo parte da un fatto tragicamente vero: la morte di una ragazzina di 15 anni del liceo Berti di Torino avvenuta lo scorso venerdì a causa di un arresto cardiaco durante il sonno.

La giovane, si legge nel messaggio rimbalzato sui gruppi no-vax, "è morta per un infarto in classe il giorno dopo avere fatto il vaccino Pfizer". Al di là del fatto che il decesso si è verificato a casa e non in classe, come spiega TorinoToday la giovane non aveva ancora fatto nessun tipo di vaccino. A confermarlo sono stati gli stessi familiari ai soccorritori e ai medici dell'ospedale. Il nome della 15enne, peraltro, non risulta in alcun elenco della Regione Piemonte. 

Ad accorgersi dell'accaduto è stata la madre quando lei non ha risposto ai tentativi di risveglio per fare colazione. C'è stato poi un disperato tentativo di trasportare la ragazza in ambulanza all'ospedale Giovanni Bosco, ma lì è stato possibile soltanto constatare il decesso.

Insomma, si tratta di una notizia strumentalizzata ad arte. Con tanto di accuse ai giornalisti che secondo i no-vax non avrebbero diffuso la notizia. 

L'ipotesi più probabile è che la ragazza avesse una qualche patologia congenita, anche se per saperlo con certezza bisognerà attendere i risultati degli esami sui tessuti eseguiti nel corso dell'autopsia, che arriveranno tra qualche settimana. La procura di Torino ha autorizzato lo sblocco della salma e i funerali. La famiglia ha acconsentito alla donazione degli organi.

Su Facebook sono numerosissimi i messaggi di cordoglio arrivati alla famiglia. "Non esistono parole di conforto per planare una perdita così grande, dolorosa e contro natura, come quella di una giovane figlia, ossigeno di vita per i genitori", scrive l'Us Cerva, società sportiva di Catanzaro, città di cui è originaria la famiglia.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Aveva appena fatto il vaccino": la morte di una ragazza trasformata in una fake-news

Today è in caricamento