rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Il giallo / Aosta

La ragazza trovata morta nella chiesetta sconsacrata è stata sgozzata?

Il corpo della giovane, con tagli all'addome e una profonda ferita alla gola, è stato scoperto da un gruppo di escursionisti in zona La Salle, tra Aosta e Courmayeur. La procura indaga per omicidio. Si segue la pista di un furgone bordeaux avvistato nei paraggi

Il corpo rannicchiato, come se stesse dormendo, è stato scoperto in fondo alla cappella di una chiesetta sconsacrata isolata che si trova nella frazione di Equilivaz di La Salle, piccolo comune della Valdigne, tra Aosta e Courmayeur, da un gruppo di escursionisti di passaggio nella zona. Un borgo disabitato da quando anni fa la cittadina era stata minacciata da una frana. Proseguono le indagini sulla ragazza trovata morta nel pomeriggio di venerdì 5 aprile, lassù tra i boschi di montagna. La giovane, forse francese ma non ancora identificata, potrebbe essere stata uccisa a coltellate.

Ragazza trovata morta in una chiesetta a La Salle: si indaga per omicidio

Come emerso dalle prime indagini, la vittima si trovava in posizione fetale e presentava gravi ferite all'addome, compatibili con quelle di un'arma da taglio, e un profondo taglio al collo che indicano un decesso per cause violente (potrebbe essere stata sgozzata). Nei giorni precedenti alla morte, la donna sarebbe stata notata nella zona in compagnia di un uomo: gli inquirenti lo stanno cercando e seguono la pista di un furgone bordeaux avvistato nei dintorni. La procura di Aosta ha aperto un fascicolo per omicidio.

Il furgone bordeaux e l'identità della vittima

Il furgone-camper bordeaux era stato visto parcheggiato a lungo in zona nei giorni scorsi. Non ci sono però certezze sulle date. L'avevano notato, perché lì si conoscono tutti. La stampa locale ipotizza che gli inquirenti, tramite le immagini di alcune telecamere posizionate lungo la strada statale, potrebbero presto risalire almeno ai nomi delle persone coinvolte in questa oscura vicenda. L'uomo potrebbe poi essersi allontanato anche attraverso un passo del Monte Bianco, distante una ventina di chilometri da lì. Ma c'è anche il valico del Piccolo San Bernardo: basta imboccare la strada verso La Thuile.

È giallo anche sull'identità della giovane vittima: potrebbe trattarsi di una ragazza francese sui 20-25 anni. Non risultano denunce di persone scomparse in Valle d'Aosta. La donna indossava un paio di leggings e una felpa, ma non aveva con sé il telefono né i documenti. Il cadavere era in fondo alla navata della chiesetta. Chi lo ha trovato, nella penombra della cappella diroccata e inutilizzata da anni, ha subito avvertito le forze dell'ordine. I carabinieri hanno eseguito diversi sopralluoghi sul posto per cercare tracce utili alle indagini. Vicino a lei sono stati trovati solo alcuni generi alimentari. A terra, nella chiesa, erano visibili macchie di sangue e tracce di trascinamento, segno che il corpo è stato trasportato sul pavimento. Saranno quindi i rilievi della polizia scientifica e gli esami specifici sul suo corpo a fornire indicazioni sulla sua identità.

C'è attesa anche per l'autopsia, in programma martedì 9 aprile, per chiarire la dinamica e le cause del decesso: l'esame è stato affidato all'esperto anatomopatologo torinese Roberto Testi. Per il momento la pista seguita dagli inquirenti è quella dell'omicidio. Sembrerebbero invece da escludere le ipotesi di malore o di suicidio, secondo i primi riscontri.

La chiesetta nella quale è stato ritrovato il corpo della giovane si trova in un luogo sperduto, in una zona montana solitamente poco frequentata dagli escursionisti. Per raggiungere il luogo del ritrovamento bisogna arrivare in auto fino a un parcheggio lungo la statale 26 della Valle d'Aosta, poi attraversare un ruscello e camminare qualche minuto tra i boschi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La ragazza trovata morta nella chiesetta sconsacrata è stata sgozzata?

Today è in caricamento