Sabato, 24 Luglio 2021
Aggressioni

"Io, presa a sprangate perché rom": la denuncia di una ragazzina di 14 anni

La giovane sarebbe stata aggredita all'uscita di un Mc Donald's mentre era in compagnia del fratello e di una amica. E' successo a Dragona, periferia est di Roma. A denunciare l'accaduto sono stati i genitori della vittima

Immagine d'archivio

Un bambina di 14 anni di origini serbe residente in un campo rom di Acilia, è stata aggredita in strada a Dragona, periferia ovest di Roma. E' questa la denuncia che la madre della piccola ha presentato al commissariato di Polizia di Ostia dopo che la figlia era stata ritrovata con la testa sanguinante. Un brutale pestaggio in strada, secondo il suo racconto, su cui ci sono indagini in corso. 

I fatti risalgono allo scorso 1 luglio. E' sabato. Alexia, nome di fantasia, era andata a pranzare al Mc Donald's di Dragona in compagnia del fratello di 9 anni e di una amichetta 14enne. Mentre stavano stavano camminando tra via di Dragone e via Salvatore Gasbarra, i tre sono stati aggrediti e Alexia ferita.

La testimonianza della 14enne

I tre, secondo il racconto fornito, stavano passeggiando in strada quando si sono avvicinati a due macchine in sosta. Una Golf grigia, con all'interno un uomo, e quella che, secondo quanto riferito, era una Alfa Romeo rossa con a bordo una donna ed una ragazzina tra i 12 e i 15 anni.

Secondo il racconto della 14enne l'uomo e la donna stavano parlando tra di loro quando Alexia ha notato che la signora aveva un ciuccio in bocca. Incuriosita da ciò, la piccola ha chiesto il motivo alla donna. La domanda, però, non sarebbe stata di gradimento tant'è che l'uomo e la donna hanno iniziato ad offendere l'adolescente con insulti sessisti e razzisti. "So che siete del campo nomadi", avrebbe quindi detto il conducente della Golf. 

L'aggressione alla bambina rom a Dragona

Dagli insulti, poi, l'uomo sarebbe sarebbe passato alle vie di fatto. Dalla macchina, sempre secondo la testimonianza della giovane serba, avrebbe estratto una mazza ferrata per colpire alla testa la bambina caduta quindi sull'asfalto sanguinante. Poi avrebbe rincorso gli altri due ragazzini per tornare sulla 14enne a terra e colpirla nuovamente. Questa volta alla gamba. Infine uomo e donna, tornati nelle rispettive auto, sono quindi fuggiti via. 

A prestare un primo soccorso alla bambina sono stati tre residenti che, vista la giovane sanguinante, hanno chiamato il 118. Alexia, medicata all'ospedale Grassi di Ostia, dimessa con 15 giorni di prognosi, tre punti sulla testa e una contusione sulla coscia destra. 

Questo il racconto che anche la mamma di Alexia ha fornito alla Polizia. Gli agenti del Commissariato del Lido indagano. Vogliono vederci chiaro. Dopo una prima battuta fatta sul posto di tracce della Golf o della Alfa Romeo non ce ne sono state. Così come non ci sono altri testimoni e nell'area non ci sono telecamere. 

Le reazioni 

Di certo c'è che Alexia è stata ferita. A dare supporto alla bambina e alla sua famiglia l'associazione Ciao Onlus, presente sul territorio con base ad Acilia: "Basta seminare odio, perchè la violenza è il frutto che stiamo raccogliendo" hanno detto dall'associazione. 

Continua a leggere su RomaToday

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Io, presa a sprangate perché rom": la denuncia di una ragazzina di 14 anni

Today è in caricamento