rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca

Spaccio e truffe, ma con il reddito di cittadinanza "in tasca"

A Palermo sgominata una banda attiva nel business della droga e nelle frodi alle compagnie di assicurazioni. Cinque fermati su nove erano titolari del rdc card e uno aveva anche una villa di lusso

Rapine, spaccio di droga e truffe assicurative: la polizia di Palermo ieri ha fermato nove persone accusate a vario titolo di una lunga lista di reati. Si va dal traffico di sostanze stupefacenti all’autoriciclaggio, dall’estorsione al danneggiamento fraudolento di beni assicurati.

Secondo gli investigatori, la banda era particolarmente attiva nel bussiness delle frosi alle compagnie assicurativ realizzate attraverso la 'tecnica' dello 'spaccaossa': falsi incidenti ma fratture vere, provocate a vittime scelte in contesti sociali degradati per ottenere i rimborsi delle assicurazioni.

Stando a quanto riferito da PalermoToday, cinque dei nove fermati erano anche titolari del reddito di cittadinanza e uno di loro aveva una villa di lusso con tanto di piscina a Ficarazzi.

Reddito di cittadinanza, cinque casi segnalati all'INPS

A guidare l’organizzazione criminale, secondo la ricostruzione di investigatori e inquirenti, erano due fratelli di 51 e 47 anni, gli unici due ai quali la Procura ha contestato l’associazione a delinquere di stampo mafioso. Il 47enne era uno dei cinque titolari della rdc card: prendeva 500 euro al mese. Un altro (presunto) componente della banda ne prendeva invece 922.

Se da un lato l'uomo si lamentava per l'esiguità dell'importo, dall’altro la moglie considerava quella cifra più di quanto ci si potesse aspettare: "Soldi in banca, eeee …. macchina intestata, motore intestato tre e cinquanta…".  I casi dei cinque beneficiari del reddito di cittadinanza sono stati segnalati all'Inps per ulteriori accertamenti.

Auto e casa perquisite, vestiti e droga lo incastrano: addio reddito di cittadinanza

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spaccio e truffe, ma con il reddito di cittadinanza "in tasca"

Today è in caricamento