rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Natale della crisi

Nel 'Natale della crisi' è boom di regali riciclati

Indagine Coldiretti: i più gettonati da riusare come presente sono capi di abbigliamento e oggetti per la casa.

Più di un italiano su tre, il 36%, non ha remore nel riciclare i regali. E' questo uno dei dati più significativi del 'Natale della crisi' in arrivo.

Un escamotage, quello di riutilizzare beni ricevuti in dono ma non graditi, molto in voga pur di non rinunciare al tradizionale omaggio da mettere sotto l'albero di parenti e amici. 

E' quanto emerge da un'analisi Coldiretti/Swg dalla quale si evidenzia però anche la presenza di uno zoccolo duro di italiani (51%) che dichiara di non aver mai riciclato i regali e che mai lo farà.

La tendenza a riciclare i regali è più diffusa tra i giovani e nell'82% dei casi - sottolinea la Coldiretti - avviene a favore di parenti e amici che possono apprezzare l'indesiderato omaggio che, nel 18% dei casi, viene dato invece in beneficenza. 

I prodotti con il minor tasso di "riciclo" sono quelli dell'enogastronomia locale che alimentano i momenti di convivialità e rappresentano una tradizione consolidata del Belpaese, mentre a rischio "riuso" sono i capi di abbigliamento, gli oggetti per la casa o quelli tecnologici che sono molto gettonati tra gli acquisti di Natale.

Di certo comunque quest'anno - continua la Coldiretti - aumentano del 3% gli italiani che intendono riciclare i regali di Natale anche per effetto record della spesa. Per le feste di fine anno le famiglie italiane spenderanno infatti per regali in media 263,6 euro, con un calo del 9% rispetto allo scorso anno. 

Un contenimento della spesa che - conclude la Coldiretti - viene compensato in parte con il ricorso al riciclo ma anche con l'acquisto di regali meno costosi da parte del 62% degli italiani.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel 'Natale della crisi' è boom di regali riciclati

Today è in caricamento