rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Sardegna / Nuoro

Ucciso a 38 anni nell'agguato in campagna: incubo faida

Riccardo Muceli, un allevatore, è stato freddato tra Jerzu e Gairo, nel cuore della Sardegna

Riccardo Muceli, un allevatore di 38 anni, è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco tra Jerzu e Gairo nel cuore della Sardegna. Indagano i carabinieri della Compagnia di Jerzu, in provincia di Nuoro. Pochi i dettagli che trapelano sul delitto. E' stato un agguato in una zona isolata di campagna. Muceli era a bordo della sua auto, di ritorno dall’ovile verso casa, quando è stato freddato. L'omicidio su una stradina di campagna vicino alla strada Orientale sarda.

Al 118 era stato segnalato un "incidente stradale". Uno o più killer hanno sparato a Muceli che con la sua Punto è finito contro il muretto. I carabinieri lo hanno ritrovato ancora vivo, ma gli sforzi degli operatori del 118 sono stati vani e Muceli è deceduto sull'ambulanza per le gravissime ferite. Non c'è stato nulla da fare. Il sostituto procuratore di Lanusei, Gualtiero Battisti, è giunto sul posto. E' lui a coordinare le indagini.

I militari hanno messo i sigilli alla zona e per ora mantengono il riserbo più assoluto su quanto accaduto.

Muceli non ha precedenti penali e viene descritto come una persona tranquilla. La notizia si è sparsa in poco tempo e la comunità di Gairo è ripiombata nell'incubo della faida, che aveva fatto vittime anni fa. Nel 2015 Simone Piras, allevatore di 33 anni, era stato ucciso a fucilate, così come , qualche mese dopo, Massimiliano Langiu, allevatore, di 27 anni. L'anno prima Aldo Caboi, allevatore di 63 anni, era stato ucciso e un altro era rimasto ferito.


 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ucciso a 38 anni nell'agguato in campagna: incubo faida

Today è in caricamento