Giovedì, 23 Settembre 2021
G8

G8, la "macelleria burocratica": dove sono i risarcimenti alle vittime?

A dodici anni dai fatti del G8, e a cinque anni dalla prima sentenza che condanna il Viminale a risarcire le vittime, solo 31 persone su 154 hanno ricevuto i soldi. E solo grazie alla "minaccia" della Corte europea

GENOVA - Furono giorni terribili, bui. Ore in cui si verificò un drammatico "accantonamento dei cardini dello Stato di diritto" e della civiltà democratica. A raccontarlo sono gli occhi di chi si trovò nella scuola Diaz la sera della "macelleria messicana". Sono i segni sul corpo di chi si trovò "a passare" per la caserma Bolzaneto. Sono le sentenze, compresa quella in ultimo grado alla Cassazione. La stessa sentenza che, impietosamente, confermò che 154 persone andavano risarcite in quanto "vittime". 

"Alla Diaz e a Bolzaneto vennero sospesi i diritti civili"

Vittime di violenze e torture. E ora, come se non bastasse, vittime della burocrazia italiana. Sì, perchè a più di dodici anni dal G8 di Genova e a cinque anni dalla prima sentenza, datata 2008, solo 31 persone su 154 saranno risarcite. A comunicarlo, senza "scrupoli", è lo stesso Viminale che avrebbe dovuto farsi carico dei rimborsi. 

Bolzaneto, lo Stato dovrà risarcire per i pestaggi in caserma

I 31 "fortunati" sono i firmatari dei ricorsi depositati alla Cedu, la corte europea dei diritti umani. La Corte di Strasburgo, oltre a "costringere" lo Stato italiano a rimborsare tutti quelli che avevano presentato ricorso, ha preteso delle spiegazioni dal Viminale. 

Violenze al G8 di Genova: sette condanne fra forze dell'ordine e medici

Si chiede al governo italiano se durante i processi gli imputati, poi condannati o prescritti ma tutti responsabili civilmente, siano stati sospesi o le loro carriere "bloccate". 

Poliziotto "del G8" condannato a dodici anni per stupro in Questura

"I ricorsi alla Corte di Strasburgo sono ancora aperti e quindi presto si aggiungeranno al primo elenco dei 31 tutte le altre parti offese", ha avvisato l'avvocato Emanuele Tambuscio, lasciando intendere che solo la "minaccia" di una sanzione da parte della Corte Europea ha smosso i vertici del Viminale. Solo una "minaccia" ha fatto ottenere alle vittime quello che spetta loro, di diritto. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

G8, la "macelleria burocratica": dove sono i risarcimenti alle vittime?

Today è in caricamento