rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Migranti

Arrestati 15 migranti: gettarono in mare i loro compagni di viaggio

Tra loro ci sarebbero tre scafisti. Sul barcone sarebbe scoppiata una lite per motivi religiosi, degenerata poi nella violenza. All'arrivo sulle coste siciliane gli altri occupanti hanno indicato alle forze dell'ordine i carnefici

Sono accusati di omicidio plurimo per motivi di religione: si tratta di 15 migranti sbarcati in questi giorni sulle coste siciliane. Tra loro ci sarebbero anche tre scafisti. I fatti sono stati ricostruiti dagli inquirenti tramite le testimonianze degli altri profughi. 

UNA RISSA FINITA MALE, MA SUL BARCONE - Poco prima dell'arrivo dei soccorsi sul barcone sarebbe scoppiata una rissa per motivi religiosi, tra musulmani e cristiani, poi sfociata nella violenza: una decina di persone sono state gettate in mare. In viaggio su quella stessa imbarcazione erano circa in 100, molti dei quali hanno poi denunciato l'accaduto alle forze dell'ordine. Una volta raccolti e trasportati nel porto di Palermo, sono stati proprio i superstiti a raccontare tutto agli investigatori della squadra mobile. 

Strage di migranti a Lampedusa: le immagini

I 15 sono stati tutti sono stati fermati e portati nel carcere di Pagliarelli. Sono del Mali, Guinea e soprattutto della Costa d'Avorio, tutti accusati di omicidio plurimo. Tra loro c'è anche un minorenne. Non è la prima volta che gli investigatori si trovano di fronte a una storia così terribile: pochi giorni prima il capitano di un barcone arrivato a Pozzallo (provincia di Ragusa) aveva gettato in mare il cadavere di uno dei profughi in viaggio, per allontare gli squali che minacciavano l'imbarcazione.

Migranti riabbracciano i figli persi durante un naufragio

Intanto gli sbarchi continuano: solo giovedì 16 aprile, dalla mattina sono arrivati sulle coste siciliane 586 profughi, tra cui 79 donne, dieci delle quali incinte, e 58 bambini, cinque dei quali neonati. I migranti provengono da vari paesi dell'Africa sub sahariana: Senegal, Gambia, Nigeria e Costa d'Avorio. Cento di loro saranno trasferiti nel Cie di Trapani. Ma non sono mancati gli incidenti: tre giorni fa 400 migranti sarebbero morti in mare per il capovolgimento del barcone su cui viaggiavano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestati 15 migranti: gettarono in mare i loro compagni di viaggio

Today è in caricamento