rotate-mobile
Lunedì, 4 Luglio 2022
Svolta

Uccisa e fatta a pezzi, il cadavere in decomposizione nella vasca: fermata la figlia

Rosa Fabbiano, la figlia 58enne di Lucia Cipriano, è stata fermata per l'omicidio della madre a Melzo

C'è la svolta. Rosa Fabbiano, la figlia 58enne di Lucia Cipriano, è stata fermata per l'omicidio della madre a Melzo. La donna, residente a Mediglia, avrebbe prima ucciso e poi fatto a pezzi il cadavere della pensionata 84enne, residente via Boves. Ieri un'altra delle sue figlie ha trovato i resti della madre ormai in stato avanzato di decomposizione, nella vasca da bagno.

La tranquilla mattinata di giovedì per i residenti di via Boves è finita quando Loredana, 47 anni, che non aveva notizie della madre da un po' di tempo, ha alzato il telefono per chiedere aiuto al 112. La donna era arrivata da Trento perché voleva accertarsi che la madre stesse bene. Informazione che da un po' di tempo una delle sorelle, Rosa, quella che 'trascorreva' più tempo con la madre, si rifiutava di darle.

Le prime persone sentite nella Stazione di Melzo sono state le tre figlie della signora Cipriano. Il cerchio si è presto stretto intorno alla figlia 58enne. Aveva inventato scuse di ogni tipo alla sorella che da tempo chiedeva di poter parlare con la madre. Poi la mattina di giovedì, quando ha saputo che la sorella arrivava da Trento per verificare di persona come stesse la mamma, è crollata: "Mamma è morta. Chiama i carabinieri". La donna a quel punto si è recata dai carabinieri e insieme ai militari sono entrati in casa della pensionata e hanno trovato il cadavere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccisa e fatta a pezzi, il cadavere in decomposizione nella vasca: fermata la figlia

Today è in caricamento