Martedì, 28 Settembre 2021
Calcio / Salerno

Non basta avere lo stesso presidente: violenti scontri tra ultras di Salernitana e Lazio

Claudio Lotito è il patron sia della squadra di Salerno che della squadra romana. Eppure questo non è servito a rasserenare gli animi. E così una partita amichevole si è trasformata in una battaglia fuori dal campo di gioco.

E pensare che le due squadre hanno lo stesso presidente: Claudio Lotito. Evidentemente né il gemellaggio societario, tantomeno il fatto che si trattava di una partita amichevole, ha fatto desistere i soliti facinorosi dal trasformare la partita agostana Salernitana - Lazio in un ring a cielo aperto.

Intorno alle 19.30 di martedì, quando mancava poco più di un'ora dall'inizio del match tra le due squadre, fuori dallo stadio Arechi si è scatenata una lunga rissa con pesanti tafferugli tra i tifosi della Salernitana e quelli della Lazio.

 

GUARDA IL VIDEO DEGLI SCONTRI

 

 

LOTITO AMAREGGIATO - Il patron delle due squadre, Claudio Lotito, non nasconde la sua amarezza per quanto avvenuto a Salerno: "La nostra politica è quella del rispetto per l'avversario, del rispetto per tutti. E viene a succedere tutto questo in casa nostra? Non è possibile".

Claudio Lotito non era allo stadio al momento degli incidenti tra i tifosi, è arrivato all'intervallo. "Non so come sono andati i fatti, mi informerò con la polizia. Tuttavia, quello che è successo è inaccettabile, è come se si fossero picchiati due fratelli, siamo della stessa famiglia, non possiamo far succedere queste cose in casa nostra". Lotito ha proseguito: "Doveva essere una serata di festa, due squadre hanno onorato sul campo l'impegno di questa sera ma non posso tollerare quanto accaduto fuori dallo stadio". (da Salerno Today)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non basta avere lo stesso presidente: violenti scontri tra ultras di Salernitana e Lazio

Today è in caricamento