Venerdì, 25 Giugno 2021
Politica

Scandalo De Girolamo: nuovi indagati, M5S presenta sfiducia

Si allarga lo scandalo dell'Asl di Benevento che vede coinvolta la ministro delle Politiche Agricole: nuove indagati e ipotesi di reato gravi. Intanto il Movimento 5 Stelle propone la sfiducia

Si allarga lo scandalo sanità che ha coinvolto il ministro delle Politiche Agricole Nunzia De Girolamo nei giorni scorsi. Dopo le nuove intercettazioni depositate a Benevento cinque membri del 'direttorio politico-partitico'. La procura di Benevento potrebbe anche prendere in esame la posizione di De Girolamo.

Viste le polemiche infuocate sulle intercettazioni che vedevano coinvolta la ministra dell'Agricoltura per il momento sulle indagini ci sarà il massimo riserbo. Ma che i pm sarebbero arrivate al direttorio, tuttavia, lo aveva già aveva indicato il gip Flavio Cusani a dicembre.

Ma da chi era composto esattamente il direttorio? De Girolamo aveva e ha due fedelissimi: Giacomo Papa e Luigi Barone che oggi continuano a lavorare al suo fianco, per conto del gabinetto del ministero delle Politiche Agricole. Poi ci sarebbe il manager Michele Rossi, direttore generale dell'Asl di Benevento, Felice Pisapia, all'epoca direttore amministrativo e il direttore sanitario Mino Ventucci.

Le nuove ipotesi di reato andrebbero dall'associazione per delinquere all'abuso e alla turbativa d'asta. Nessuna dichiarazione sul caso da parte del pm Giovanni Tartaglia Polcini che se ne sta occupando. Se così fosse però altre vicende potrebbero venire a galla: l'impiego dei fondi per la riabilitazione della provincia di Benevento (14 milioni e 903 mila euro) destinati alle famiglie di bimbi disabili, che si sono visti arrivare soltanto 3 milioni di euro. "6 milioni e 300 mila euro sono stati destinati soltanto al distretto di Sant'Agata de' Goti" denuncia l'associazione 'Insieme per' comitato di genitori che si occupa di garantire assistenza terapeutica ai minori disabili.  

Intanto anche la politica si muove: il Movimento 5 Stelle ha annunciato che nelle prossime ore presenterà alla Camera una mozione di sfiducia individuale nei confronti del ministro per le Politiche agricole. Così dichiara Federico D'Incà, capogruppo dei grillini a Montecitorio. Il ministro dell'Interno intanto fa scuso attorno alla compagna di partito: "De Girolamo non è in fuga, ma pronta a riferire in Parlamento. Sono sicuro che lo farà con grande forza e grande chiarezza per dimostrare che nei suoi comportamenti non c'è stato nulla di censurabile" ha detto Alfano. Per ora l'unica fiduciosa è il ministro dell'Integrazione Cécile Kyenge:"Io mi fido della magistratura" ha detto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scandalo De Girolamo: nuovi indagati, M5S presenta sfiducia

Today è in caricamento