Lunedì, 25 Gennaio 2021
Brescia

Lo cercano per ore credendolo annegato, ma era in un bar a farsi un drink

Surreale vicenda quella avvenuta a Desenzano del Garda. A lanciare l'allarme è stato un collega dell'uomo scomparso: il lieto fine dopo tre ore e mezza di apprensione

Foto di repertorio

Una vicenda surreale quella che si è consumata ieri in un centro balneare di Desenzano del Garda dove sono scattate le ricerche in seguito alla segnalazione di un uomo scomparso. Il primo allarme è stato lanciato intorno alle 13, dall'amico e collega che era con lui: è da allora che si è cominciato a cercare un camionista nato a Vilnius, Lituania, classe 1981 e di cui non si avevano più notizie certe. Sul bagnasciuga erano rimasti i suoi effetti personali: lo zaino, i vestiti, il telefono cellulare. 

Lo spiegamento di mezzi è stato imponente. Sul posto sono arrivati Vigili del Fuoco, guardia Costiera e Polizia di Desenzano oltre che del nucleo sommozzatori di Milano e Trento. Si temeva il peggio, invece le ricerche si sono improvvisamente interrotte verso le 16.30, quando il camionista scomparso si è presentato a piedi, di nuovo, al centro balneare Desenzanino.

Dopo aver passato qualche ora al bar l’uomo era visibilmente alticcio. I carabinieri l'hanno accompagnato in caserma per l'identificazione. Si era incontrato in mattinata all'area di servizio Monte Alto di Desenzano con un altro camionista, sempre dell'Est Europa, conosciuto in loco. Insieme avevano deciso di andare a fare il bagno al lago.

A piedi, per circa 4 chilometri, sono scesi fino al Desenzanino. L'amico che era con lui si è allontanato un attimo per andare a prendere qualcosa al bar della spiaggia, ma quando è tornato il 38enne lituano non c'era più. Ha atteso un po' prima di dare l'allarme: nessuno l'aveva visto, e l'ipotesi poteva essere quella di un annegamento. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo cercano per ore credendolo annegato, ma era in un bar a farsi un drink

Today è in caricamento