rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Cronaca

Cosmetici griffati pericolosi per la salute: maxi sequestro

La Guardia di Finanza ha smantellato un'organizzazione dedita alla produzione e alla commercializzazione di cosmetici contraffatti e dannosi per per la salute. Nel mirino delle fiamme gialle anche pezzi auto falsi

ROMA - Prosegue senza soluzione di continuità la lotta al falso in tutte le sue manifestazioni condotta dai Finanzieri del comando provinciale di Roma e attuata in sinergia con Prefettura, associazioni di commercianti, enti locali e le tre università pubbliche. Nell'ultimo mese, le Fiamme gialle del I gruppo Roma hanno smantellato un'organizzazione dedita alla produzione e alla commercializzazione capillare di cosmetici e profumi contraffatti, mettendo in sicurezza il laboratorio clandestino - ricco di macchinari, contenitori di essenze ed ingredienti per la preparazione di profumi, creme, smalti e trucchi - e sottraendo dal mercato oltre cinque milioni di confezioni riportanti le griffe più famose del mercato, quali Dolce & Gabbana, Hugo Boss, Just Cavalli, Opium, Dior, Chanel, Lacoste, Armani, Calvin Klein e Farenheit, e stoccate in quattro depositi sparsi per i quartieri della Capitale.

L'analisi chimica dei prodotti sequestrati ha rilevato la presenza, in molti di essi, di toluene e benzene, composto, quest'ultimo, cancerogeno e mutageno. Al termine dell'operazione, i militari hanno denunciato alla locale autorità giudiziaria trentatre persone, fra cui anche i titolari di alcuni esercizi commerciali della Capitale. 

Non meno intensa è stata l'azione di contrasto presso gli scali aeroportuali di Fiumicino e Ciampino, in cui i militari, nel corso di controlli di routine con il personale dell'Agenzia delle dogane e dei Monopoli, hanno intercettato alcuni carichi - provenienti dalla Cina e diretti ad operatori economici nazionali - di smartphone, palmari, componentistica e batterie per cellulari con i marchi contraffatti Apple, Motorola, Nokia, Samsung e BlackBerry. L'analisi chimica degli oltre trentunomila pezzi sequestrati ha rivelato la presenza, ben oltre i limiti consentiti, di nichel e litio, altamente dannosi per la salute pubblica.

Presso l'aeroporto Leonardo da Vinci sono stati inoltre bloccati trentacinquemila pezzi di ricambio per autoveicoli delle più note marche: Bmw, Mercedes, Volvo, Audi, Renault, Toyota e Fiat che, oltre a essere contraffatti, erano privi degli indispensabili requisiti di sicurezza previsti dalla normativa comunitaria, tanto che, laddove utilizzati, avrebbero potuto mettere in serio pericolo la sicurezza dei passeggeri

In altre due operazioni, il Nucleo Polizia tributaria ha sequestrato oltre ventidue milioni di calze sportive, rinvenute in due magazzini nella disponibilità di due imprenditori di etnia cinese operanti nella zona industriale della via Tiburtina. Le analisi, effettuate presso il laboratorio chimico merceologico della Camera di commercio di Roma, hanno evidenziato una composizione fibrosa diversa da quella dichiarata in etichetta. 

Nei primi dieci mesi del 2013, in tutta la provincia, i reparti dipendenti dal comando provinciale hanno effettuato oltre 1100 operazioni, sequestrato 40,6 milioni di pezzi di merce contraffatta - ovvero in spregio alla normativa di tutela del made in Italy e della sicurezza dei prodotti e del diritto d'autore - con la denuncia di 736 persone, di cui tre arrestate.

Nell'ottobre di quest'anno, la sezione Applicazione misure di prevenzione del Tribunale di Roma ha poi disposto, nei confronti di un sodalizio criminale cinese dedito alla contraffazione, la confisca di beni per 4,2 milioni di euro, applicando, fra i primi in Italia, lo stesso impianto normativo previsto per la lotta alla criminalità organizzata. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cosmetici griffati pericolosi per la salute: maxi sequestro

Today è in caricamento