Mafia, sequestro record di 1,3 miliardi al re dell'eolico

Maxi confisca di beni all'imprenditore siciliano Vito Nicastri, ritenuto vicino al super latitante di Cosa nostra Matteo Messina Denaro. E' il sequestro più consistente mai operato in Italia

PALERMO - Quarantatre tra società e partecipazioni societarie; 98 beni immobili; 7 tra auto, imbarcazioni e motociclette; 66 disponibilità finanziarie, tra rapporti di conto corrente, polizze ramo vita, depositi titoli, carte di credito, carte prepagate e fondi di investimento. Un patrimonio immenso accumulato in trent'anni.

E' questo il tesoro di Vito Nicastri, l'imprenditore di Alcamo (Trapani) di 57 anni leader del settore eolico, per il quale la Sezione misure di prevenzione del tribunale di Trapani ha emesso il provvedimento di confisca più cospicuo di sempre in Italia. Il valore dei beni, infatti, si aggira sul 1,3 miliardi di euro.

La misura di prevenzione patrimoniale scaturisce dalla proposta d'iniziativa del direttore della Dia, Arturo De Felice che, attraverso articolate indagini economico-patrimoniali nei confronti dell'imprenditore alcamese, ha consentito di ricostruire il fitto reticolo patrimoniale degli ultimi trent'anni e di rilevare l'esistenza di una consistente sperequazione tra i beni posseduti e i redditi dichiarati.

RAPPORTI CON I MAFIOSI - Coinvolto nella maxioperazione "Eolo", le indagini che hanno interessato Nicastri, hanno fatto emergere come l'imprenditore mantenesse strette relazioni con numerosi e qualificati esponenti mafiosi. Un ruolo, il suo, confermato dall'interessamento dei due boss Salvatore e Sandro Lo Piccolo alle sue vicende imprenditoriali; al punto che il nome di Nicastri compariva nei "pizzini" trovati nel covo dei due capimafia arrestati nel 2007. Ma i rapporti "pericolosi" del "re" dell'eolico furono anche con persone vicine a Matteo Messina Denaro, attuale primula rossa di Cosa nostra, e con alcune 'ndrine calabresi.

Il provvedimento di confisca di oggi è in assoluto il più consistente mai operato in Italia in applicazione della normativa antimafia, e segue l'aggressione ad altri patrimoni milionari, sequestrati e confiscati a noti imprenditori nel campo della grande distribuzione, del ciclo del cemento e della sanità e, di fatto, sottrae smisurati capitali e credibilità a cosa nostra, incidendo in modo significativo anche nella gestione economica del Matteo Messina Denaro, che di quel territorio è considerato il "dominus".

La confisca record dei beni a Nicastri si aggiunge agli ultimi sequestri operati dalla Dia nel territorio trapanese, che stanno notevolmente impoverendo il potere economico del capomafia latitante. Il provvedimento emesso oggi contiene, inoltre, anche l'applicazione della misura di prevenzione personale nei confronti di Vito Nicastri, di sorveglianza speciale con obbligo di dimora nel comune di Alcamo per tre anni.

Potrebbe interessarti

  • Uova, quante possiamo mangiarne (e occhio a come le cucinate)

  • Bere acqua e limone al mattino appena svegli fa bene?

  • Come scegliere salumi e affettati senza correre rischi per la salute

  • Coloranti chimici nei prodotti del supermercato: a cosa fare attenzione

I più letti della settimana

  • Lotto e SuperEnalotto, estrazioni di oggi: i numeri vincenti di martedì 9 luglio 2019

  • Tour de France 2019, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Eros Ramazzotti e Marica Pellegrinelli: ecco perché si sono lasciati

  • Temptation Island 2019: puntate, anticipazioni e coppie

  • Fine delle speranze: trovato morto Stefano Marinoni, il ragazzo scomparso dal 4 luglio

  • Caterina Balivo felice al battesimo di Cora: grande l’intesa con la figlia del marito

Torna su
Today è in caricamento