Lunedì, 27 Settembre 2021
Malore o delitto?

Il giallo della farmacista Serena Fasan: si indaga per omicidio volontario

La Procura attende gli esiti dell'autopsia, che chiarirà le cause del decesso della donna

Il suo corpo era riverso a terra, vicino a lei il suo cellulare. A trovarla morta in casa era stato il suo fidanzato ed è stato sempre lui a dare l’allarme agli inquirenti che poi sono arrivati sul posto per capire che cosa fosse successo. La domanda deve ancora trovare risposta e resta: che cosa è successo a Serena Fasan? Perché l’ipotesi più accreditata è che la farmacista 37enne trovata senza vita mercoledì sera nella sua casa di Castelfranco Veneto, in provincia di Treviso, è che sia morta per un malore, anche perché sul corpo non ci sono segni di violenza e in casa la polizia non avrebbe riscontrato segni di colluttazione.

Però oggi la Procura trevigiana apre un fascicolo di inchiesta. Nessun indagato fra i nomi, ma il reato ipotizzato è quello di omicidio volontario. Qualcuno avrebbe dunque ucciso la donna? Gli investigatori non traggono conclusioni affrettate e restano cauti. Anche l’apertura dell’inchiesta è un atto dovuto per effettuare tutti gli accertamenti del caso. La verità infatti potrà emergere solo dall’autopsia, che chiarirà le cause del decesso della farmacista.

Stando a quanto riporta anche TrevisoToday, il corpo della 37enne aveva dei segni sul collo, ma che, secondo i familiari, sarebbero dovuti ad un estremo tentativo di rianimazione che è stato praticato sul posto. Ma i dubbi restano e il giallo si infittisce. Si fa largo anche l'ipotesi di un attacco epilettico da cui la donna sarebbe stata colta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il giallo della farmacista Serena Fasan: si indaga per omicidio volontario

Today è in caricamento