rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
La denuncia / Napoli

Ha un malore e chiama il 118, ma a casa non c'è il citofono: morto

Sul caso è stata aperta un'inchiesta e nei prossimi giorni verrà eseguita l'autopsia per chiarire le cause della morte. La cugina: "Perdonaci tutti"

Sergio Aiello aveva 51 anni. È morto nella sua abitazione a Castellammare di Stabia (Napoli), mentre era da solo in casa. In base a una prima ricostruzione, l'uomo aveva la febbre e accusava problemi respiratori quando ha contattato il 118. Purtroppo, però, è morto prima dell'arrivo dei sanitari. I soccorritori accorsi sul posto con un'ambulanza si sarebbero resi conto che nella palazzina non c'era il citofono. Non riuscendo ad individuare l'appartamento, avrebbero provato a chiamarlo a voce e sul telefono, invano, prima di andare via. E così a ritrovare il corpo senza vita di Aiello è stata la sorella, insospettita dal suo silenzio, il giorno dopo.

I familiari del 51enne hanno sporto denuncia alle forze dell'ordine. Sarà ora un'inchiesta avviata dalla procura della Repubblica di Torre Annunziata, competente sul territorio, a stabilire quali siano state le cause del decesso e a stabilire eventuali responsabilità. Nei prossimi giorni, inoltre, sulla salma verrà eseguita l'autopsia. Allo stato attuale non risultano iscritti nel registro degli indagati. 

Una familiare della vittima ha scritto su Twitter: "Ti senti male durante la notte, riesci a chiamare il 118. Arrivano, bussano. Nessuna risposta. Vanno via. Tua sorella accorre a bussarti perché non rispondi al telefono e ti trova senza vita. Ciao amatissimo cugino mio, siamo attoniti. Perdonaci tutti".

Il messaggio su Twitter della cugina di Sergio Aiello

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ha un malore e chiama il 118, ma a casa non c'è il citofono: morto

Today è in caricamento