rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
La gara di solidarietà / Forlì-Cesena

Silvia e Ugo morti mentre andavano al concerto di Vasco: ecco la raccolta fondi per le loro tre bimbe

Un piccolo aiuto per Giulia, Marta e Irene. I colleghi del reparto di oncologia nel quale lavorava la donna hanno aperto l'iniziativa

La storia di Silvia Ruscelli e Ugo Beltrammi, marito e moglie morti in un incidente motociclistico mentre andavano al concerto di Vasco Rossi, ha commosso l'Italia. La coppia, lui di 49 anni e lei di 47, ha lasciato tre figlie: Giulia, Marta e Irene, tutte minorenni. Per aiutarle, i colleghi e gli amici di Silvia hanno aperto una raccolta fondi: attraverso una piattaforma di crowfunding sono stati raccolti finora più di 160mila euro. Venerdì 20 maggio la coppia di Sarsina (Forlì-Cesena) stava percorrendo la statale 45 bis Gardesana occidentale, nei pressi di Dro. Dovevano raggiungere Trento per assistere al concerto di Vasco Rossi, il primo dopo lo stop per la pandemia. Per cause ancora da accertare, l'uomo avrebbe perso il controllo della moto: fatale lo schianto con un camion che sopraggiungeva dalla parte opposta. Per le tre ragazze di 17, 13 e 8 anni è stato un duro colpo. Ed è quindi partita la gara della solidarietà.

I colleghi di Silvia Ruscelli, oncologa presso il gruppo di patologia epatobiliare e gastroenterico dell'Irst "Dino Amadori" di Meldola, hanno utilizzato la piattaforma di crowfunding dell'ospedale per raccogliere un piccolo aiuto economico per le figlie di questa sfortunata coppia. In pochi giorni si è arrivati alla cifra di 160mila euro, che non restituirà quanto tolto dal tragico destino ma potrà aiutare le ragazze ad affrontare il futuro.

Si legge nel post della raccolta fondi: "Vi abbiamo chiesto di unirvi a noi per garantire il futuro di tre bimbe rimaste orfane dei loro genitori: è bastata una settimana per superare i 100.000 euro di donazioni. Migliaia di persone hanno sentito il dovere di contribuire alla campagna in ricordo di Silvia, l'oncologa Irst, Istituto romagnolo per lo studio dei tumori "Dino Amadori" scomparsa insieme al marito Ugo in un incidente stradale. Si sono mobilitati colleghi, amici, ma anche chi non li aveva mai incontrati: perché di fronte a una tragedia del genere è impossibile restare indifferenti, e perché nelle parole di chi li conosceva ha visto l'amore che Silvia metteva nella cura dei suoi pazienti". L'Irst informa che "la nostra raccolta fondi continua: niente di ciò che riusciremo a donare a questa famiglia potrà colmare un vuoto tanto grande, ma aiutare non è mai una cosa inutile".

Qui la piattaforma per contribuire con la raccolta fondi
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Silvia e Ugo morti mentre andavano al concerto di Vasco: ecco la raccolta fondi per le loro tre bimbe

Today è in caricamento