rotate-mobile
Venerdì, 27 Maggio 2022
EUROPA

L'Europa stoppa Silvio: "E' ineleggibile"

Il vice presidente della Commissione Europea gela Berlusconi sulla sua eventuale candidatura: "Normativa chiara, non si può candidare". Ma il Cavaliere è determinato e non molla

La vicepresidente della Commissione europea Viviane Reding 'blocca' la corsa di Silvio Berlusconi verso Strasburgo: “Non entro in questioni di livello nazionale. Ma la normativa europea è molto chiara su questo”. Porte chiuse sulla possibilità di candidatura del Cavaliere, condannato in via definitiva a quattro anni per frode fiscale.

Silvio per le europee di maggio non sembrava essersi rassegnato e tre giorni fa aveva telefonato durante un’iniziativa di Forza Italia a Montecatini dicendosi "felice di essere in campo nelle cinque circoscrizioni" ciascuna da più di 700 mila voti. Per questo aveva invocato l'Europa: "Spero di poter avere velocemente una risposta dalla Corte europea”.

E così è stato: Bruxelles smorza gli entusiasmi ma i suoi fedelissimi anche se non si danno per vinti. Una nota politica redatta dallo staff del gruppo forzista alla Camera ribadisce: "Il nostro leader aprirà le liste di Forza Italia in tutte e cinque le circoscrizioni italiane. Volerlo impedire equivale a truccare il risultato elettorale, è un broglio preventivo, una sofisticazione alimentare del pane democratico”. Secondo il suo partito “è un gran bene per tutti se Berlusconi rientrerà come parlamentare nelle istituzioni europee, da statista qual è. È interesse di tutti che concorra nella pienezza dei suoi diritti politici. Anche ad Angela Merkel. Ci rifletta il presidente della Repubblica".

Nonostante il blocco di Bruxelles e la decadenza votata il 27 novembre scorso dal Parlamento sembra proprio che Silvio sia di nuovo pronto per 'scendere in campo'.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Europa stoppa Silvio: "E' ineleggibile"

Today è in caricamento