rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Siti inaccessibili

Italia sotto attacco degli hacker russi

Il bersaglio sono alcuni spazi web istituzionali, tra cui quello del ministero degli Esteri e della Difesa. La rivendicazione del collettivo Killnet: "Fuoco a tutti"

Italia ancora sotto attacco di hacker russi. Dalle 22 di ieri alcuni siti istituzionali sono bersaglio di un sabotaggio informatico. L'azione è rivendicata dal collettivo filorusso Killnet. La polizia è al lavoro per mitigare gli effetti dell'azione. In particolare stanno operando gli specialisti della polizia postale

Nel mirino, tra gli altri, i siti web del ministero degli Esteri, dell'Istruzione, dei Beni culturali, del Csm, dell'Agenzia delle Dogane. Alcuni non sono raggiungibili come quello della Farnesina.

Il collettivo sui propri canali Telegram ha indicato un lungo elenco di obiettivi. "Fuoco a tutti" hanno scritto gli hacker che in un messaggio precedente avevano dato le istruzioni "per liquidare la struttura informativa italiana", chiedendo un attacco per 48 ore e di non colpire il sistema sanitario.

Un primo attacco era avvenuto l'11 maggio scorso. Poi le attenzioni degli hacker si erano spostate sulla finale dell'Eurovision (attacco sventato dalla polizia postale).

"Per quanto riguarda gli attacchi hacker è' stato approvato un piano dal Governo, per la sicurezza nazionale, ritengo che sia molto importante", commenta il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, a margine dell'inaugurazione della nuova caserma dei carabinieri 'Santa Maria Novella' a Firenze. "Abbiamo un'apposita agenzia che lavora su questo - sottolinea Lamorgese - e anche la nostra polizia postale e delle telecomunicazioni che sta al ministero dell'Interno. Tanto abbiamo sentito l'importanza di questo ambito, che quell'ufficio è stato elevato a livello di direzione centrale, con più uomini e più risorse, proprio per monitorare questo tipo di episodi". 

La Procura di Roma ha aperto un fascicolo sull'attacco di oggi, che confluirà in quello già aperto, per accesso abusivo a sistema informatico, la settimana scorsa. In entrambi i casi si tratta di attacchi di tipo DDos (Denial of Service) da parte di più computer "zombie" controllati a distanza dagli hacker.

farnesina-2-3

Articolo aggiornato il 10 maggio alle 13,46 // Inserita dichiarazione ministro Lamorgese

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Italia sotto attacco degli hacker russi

Today è in caricamento