rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Il video / Brescia

Beccati dalla Finanza con 500mila euro in contanti nascosti nel wc e nella lavatrice

Le immagini delle perquisizioni nel corso dell'operazione "Atto finale" coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Brescia

Una ventina di perquisizioni personali e domiciliari effettuate dalle forze dell'ordine hanno portato al sequestro di 500mila euro in contanti nascosti nei luoghi più disparati, tra cui un wc e una lavatrice. Tutto ciò nell'ambito dell'operazione denominata "Atto finale", che ha portato all'esecuzione di provvedimenti cautelari personali nei confronti di 14 soggetti, dei quali 12 in carcere e 2 ai domiciliari, con l'intervento congiunto di carabinieri, guardia di finanza e polizia di Stato, e il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia di Brescia, nella provincia di Brescia e in quelle di Milano, Cremona, Ascoli Piceno e Reggio Calabria.

Per la Procura di Brescia, i 14 arrestati sono tutti inseriti in contesti di criminalità organizzata di stampo mafioso, in questo caso la 'ndrangheta, e accusati a vario titolo di usura ed estorsione commessi - secondo le accuse - con metodo mafioso ai danni di imprenditori in difficoltà economica.

L'attività degli investigatori ha permesso di documentare, nonostante il periodo di lockdown, "condotte intimidatorie ed estorsive, accordi e pagamenti usurari, accompagnati da pressioni e pretese economiche a danno di imprenditori, tra le quali accordi per la spartizione di guadagni illeciti, richieste di protezione criminale e gravi situazioni di esposizione con rischi per l'incolumità individuale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Beccati dalla Finanza con 500mila euro in contanti nascosti nel wc e nella lavatrice

Today è in caricamento