rotate-mobile
Martedì, 16 Aprile 2024
Agguato / Roma

La denuncia di una coppia: "Ci hanno sparato mentre eravamo in auto"

Un uomo e una donna si sono presentati in ospedale con ferite di arma da fuoco. I sanitari hanno allertato la polizia e sono scattate le indagini

"Ci hanno sparato mentre eravamo in auto". Così una coppia, un uomo e una donna, poco dopo le 18 di sabato 11 febbraio si è presentata all'ospedale Grassi di Ostia (Roma) chiedendo aiuto. Come si legge su RomaToday, i due avevano ferite d'arma da fuoco ai glutei e alle gambe. Lesioni fortunatamente non gravi e non è stato necessario il ricovero.

I sanitari hanno allertato la polizia e i due feriti hanno ripetuto il loro racconto agli agenti del X distretto. L'agguato sarebbe stato compiuto mentre entrambi si trovavano in auto in via di Castel Porziano, davanti a un ristorante. A sparare sarebbe stato un uomo, colpendo la coppia di striscio alle gambe e ai glutei. Raccolta la denuncia, i poliziotti hanno inviato la squadra scientifica nel punto indicato come luogo dell'agguato e hanno avviato gli accertamenti.

Nel racconto della coppia però qualcosa non torna. I due sono proprietari di un ristorante e hanno riferito di trovarsi in auto al momento dell'agguato. Quest'aspetto però non appare coerente con la tipologia delle ferite riportate. Chi indaga propende per l'ipotesi che vuole i due impegnati a fuggire dall'aggressore che ha mirato a un piede e a un gluteo prima di fuggire. In questo caso i due avrebbero avuto contezza del pericolo e di quello che stava per succedere e per questo avrebbero tentato, all'ultimo, di sfuggire agli spari. Insomma, secondo l'ipotesi, conoscevano chi ha sparato, ma non vorrebbero rivelarne l'identità.

C'è poi un altro aspetto. Il colpo al piede solitamente viene solitamente esploso per recapitare un "messaggio", un "avviso". Gesti simbolici nel linguaggio criminale ben noti a chi indaga, Ecco perché un punto di partenza per le indagini è tracciare il profilo dei due bersagli del blitz criminale. L'uomo vittima dell'agguato, Antonio Da Ponte, è già noto alle forze dell'ordine e non si esclude che il suo passato possa essere tornato in qualche modo a galla.

Si tratta dell'ennesimo episodio criminale a Ostia, dove negli ultimi mesi si è tornato a sparare. Solo lo scorso 3 febbraio, nella zona di Nuova Ostia, è stato ucciso Fabrizio Vallo, episodio ancora senza un responsabile e sul quale indagano i carabinieri.

Tutte le notizie su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La denuncia di una coppia: "Ci hanno sparato mentre eravamo in auto"

Today è in caricamento