Giovedì, 28 Ottobre 2021
Il caso

Vaticano, affari sporchi e privilegi: "Neanche un euro ai poveri"

Le "spese folli dei vescovi": da carte e intercettazioni spuntano migliaia di euro per abiti su misura, case affittate e proprietà immobiliari. Dal libro "Avarizia" emerge un ritratto impietoso dei conti della Santa Sede

ROMA - Per un Papa che ha scelto il nome del Santo dei poveri, ci sono vescovi che "affittano case da 2900 euro al mese, comprano abiti su misura, viaggiano in business class e spendono 4600 euro per un sottolavello". In Vaticano è (di nuovo) tempo di "corvi" e di veleni. E dopo gli arresti eccellenti in seguito alla fuga di documenti riservati, cresce l'indignazione per le rivelazioni di "Avarizia", il libro del giornalista de L'Espresso Emiliano Fittipaldi che racconta gli ultimi scandali finanziari della Santa Sede. 

"I costi sono fuori controllo. Viene lasciato troppo spazio alla discrezione degli amministratori. Bisogna chiarire meglio le finanze della Santa Sede e renderle più trasparenti. Si è allargato troppo il numero dei dipendenti con un aumento in cinque anni del 30%, dice Papa Francesco registrato a sua insaputa durante una riunione a porte chiuse convocata per discutere il bilancio della Santa Sede.

Nei fatti cosa avviene? "Avarizia" parla di "affari sporchi e privilegi". I poveri "possono aspettare". "Nel 2013-14 - scrive Fittipaldi - il fondo per i poveri a disposizione della Commissione cardinalizia non ha scucito un soldo bucato, nonostante un saldo in attivo di 425mila euro".

A gennaio del 2015 qualcuno ha inviato al Papa tutte le voci di spesa della neonata segreteria per l'Economia, che Bergoglio aveva affidato qualche mese prima a George Pell, il cardinale chiamato dall'Australia per raddrizzare usi e abitudini nefaste della curia che ha spadroneggiato durante l'era di Benedetto XVI.

I vescovi in Vaticano per il Sinodo

Ebbene, in sei mesi, da luglio 2014 a gennaio 2015, l'uomo del "rigore" avrebbe speso 501mila euro, 70mila al mese per mantenere se stesso e un ufficio di appena tre persone. "Lo Ior gestisce anche quattro fondi di carità - scrive ancora Fittipaldi - Incrociando le tabelle i preti non sembrano essersi svenati per i meschini e i disgraziati: nel 2013 e nel 2014 il fondo a disposizione della Commissione cardinalizia guidata dal cardinal Santos Abril y Castello non ha scucito un soldo bucato, nonostante un saldo in attivo di 425 mila euro".

Il Fondo per opere missionarie ha in pancia 139 mila euro, somma costituita soprattutto da donazioni interne, ma negli ultimi due anni ha 'elargito per opere missionarie' solo 17 mila euro. Anche il fondo nato per finanziare le 'Sante Messe', seppur più cospicuo (ha un saldo arrivato a 2,7 milioni di euro) ha preferito tenere i denari in saccoccia: nel 2014 è stata girata ai sacerdoti di tutto il mondo la minuscola cifra di 35 mila euro.

Il viaggio di Papa Francesco negli Stati Uniti

LA FUGA DI DOCUMENTI RISERVATI - Fa discutere, insomma, l'uscita di nuovi documenti riservati della Santa Sede. "Sembra una cosa architettata da tempo", dice il vescovo Marcello Semeraro, stretto collaboratore del Papa, in un'intervista al Corriere della Sera. La commissione referente sull'Organizzazione della struttura economico-amministrativa della Santa Sede (Cosea), di cui facevano parte monsignor Lucio Angel Vallejo Balda e Francesca Chaouqui, arrestati nei giorni scorsi dai gendarmi vaticani, "si è sciolta all'inizio dell'anno scorso. Perché riprendere ora quelle analisi? Un secondo fine c'è di sicuro". Semeraro evidenzia la "premeditazione" di chi ha realizzato una registrazione clandestina delle parole del Papa, ora finite nel libro "Via Crucis" di Gianluigi Nuzzi: "Non è la debolezza di chi cade in tentazione".

Semeraro spiega così la nomina di Balda e Chaouqui da parte del Papa a inizio pontificato: "Se io, vescovo, vado in una nuova diocesi, non inizio a governare da zero. E' naturale che cominci a lavorare con le persone che ci sono. Non si può rimproverare al Papa di aver avuto fiducia nei collaboratori che ha trovato. Per quella commissione ha indicato tra gli altri il segretario della Prefettura degli affari economici, certo. Ma non lo aveva messo lui in quell'ufficio. E il monsignore si è portato dietro la sua collaboratrice. All'inizio la continuità è necessaria: gli esterni non conoscono la realtà interna. Poi, nel corso del tempo, il Papa sceglie le persone". Semeraro teme che la fuga di documenti miri a ostacolare la riforma: "Ma era nelle previsioni: chiunque opera per il bene trova ostacoli, figuriamoci il Papa. Ogni cambiamento crea resistenza". E cita una battuta usata pochi giorni fa dal cardinale Francesco Montenegro: "Quando la carovana passa, i cani abbaiano".

Papa Francesco in Terrasanta


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaticano, affari sporchi e privilegi: "Neanche un euro ai poveri"

Today è in caricamento